-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Alluvione nel Teramano, il Pd sfida la maggioranza in Regione. E le risposte tardano ad arrivare

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 15:48

sottopasso_mosciano2Teramo. Sono trascorsi nove mesi, ma da allora poco o nulla è stato fatto per quei Comuni colpiti dall’alluvione del marzo scorso. A tracciare il quadro della situazione, con il 2011 agli sgoccioli ed un nuovo anno che si preannuncia ancora più duro, sotto il profilo economico e finanziario, è stato questa mattina il gruppo consigliare del Pd che, in occasione del prossimo Consiglio Regionale, in programma il 29 dicembre, ha annunciato la presentazione di una serie di proposte da sottoporre all’approvazione dell’assise.

In realtà, nulla di particolarmente nuovo, visto che i consiglieri regionali Claudio Ruffini e Giuseppe Di Luca non presenteranno altro se non la “leggina” regionale già approvata il 28 ottobre scorso, che prevedeva l’utilizzo dei fondi residui del Fas 2000/2006. “Fu lo stesso segretario Enrico Mazzarelli” spiega Ruffini “a dire che questa leggina sarebbe andata presto in Commissione e poi in Consiglio, per essere approvata entro novembre. In realtà, da allora se ne sono perse le tracce. Il motivo è semplice e lo sapevamo anche a quel tempo: non c’era e non c’è la certezza della copertura finanziaria”.

pd_alluvioneIl Pd abruzzese decide, dunque, di giocare a carte scoperte: “Ripresenteremo la stesse legge giovedì” aggiunge Ruffini “e vogliamo verificare come voterà la maggioranza”. Il guanto di sfida è lanciato, anche se, ammette Di Luca, “sappiamo già cosa ci diranno: è inammissibile perché non c’è copertura”.

Come se non bastasse, riecheggiano ancora nell’aria le parole pronunciate dal Governatore Gianni Chiodi che, all’indomani dell’alluvione, disse candidamente ai sindaci del Teramano: “Spendete tranquillamente, poi ci pensiamo noi”. E i primi cittadini hanno speso, come gli era stato detto, per tamponare almeno le emergenze. “Ma ad oggi” commenta il segretario provinciale Robert Verrocchio “quelle somme non sono ancora state rimborsate. Ed ecco che le imprese che hanno eseguito i lavori si trovano in difficoltà di fronte a enti incapaci di pagare le spese”. Non solo, aggiunge Di Luca. “Oltre al danno anche la beffa, visto che in questo modo rischiano di sforare il Patto di Stabilità. Per questo, chiediamo alla Regione che venga concessa una deroga per quei Comuni maggiormente colpiti, accollandosi la contabilità delle spese effettuate, come è stato fatto ad esempio in Liguria”.

A cadere nel vuoto, conclude il capogruppo in Provincia, Ernino D’Agostino, anche la mozione presentata dal Pd e approvata dall’intero Consiglio, che impegnava il presidente Valter Catarra ad attivare iniziative straordinarie. “Nulla di tutto questo è stato fatto”. E le risposte stentano ancora ad oggi ad arrivare.

 

Marina Serra


SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,933FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate