-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Teramo, Olivieri attacca: “Patrocini del Comune anche a feste e karaoke”

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 22:30

comuneTeramo Vivi Città torna a chiedere l’intervento del sindaco Maurizio Brucchi. Sotto l’occhio del suo presidente, Marcello Olivieri, ci sono questa volta i patrocini del Comune di Teramo, già oggetto di denuncia lo scorso agosto, quando, in risposta alle polemiche dell’associazione, Palazzo di Città diramò un comunicato stampa in cui si sosteneva che “nuove e più rigide regole per la concessione dei patrocini sono in arrivo al Comune di Teramo. Si sta lavorando al nuovo regolamento, grazie al quale solamente le associazioni che risponderanno ad alcuni requisiti, in fase di studio, potranno ottenere l’ambito logo dell’ente comunale. In questo modo si eviterà di far stampare sui manifesti di manifestazioni che non sono ampiamente riconosciute come eventi ricorrenti e di un certo spessore”. 

“Ma come spesso accade” commenta Olivieri, “anche questa volta l’amministrazione ha rimediato una brutta figura grazie a qualche assessore tanto bravo a fare solo chiacchiere”. Lo scorso 31 ottobre, infatti, il logo del Comune era sul volantino di una festa di Halloween. “L’episodio” continua il presidente di Teramo Vivi Città “assume una maggiore gravità perché la città di Teramo in realtà ha dato il patrocinio con la concessione dell’uso del logo non ad una festa gratuita, ma ad una operazione commerciale di un privato visto che l’ingresso costava 10 euro”.

Ma non è finita qui: una settimana dopo lo stesso logo veniva rintracciato anche su un volantino che reclamizzava una serata di karaoke che si è svolta in un pub.

“Nel caso della serata di karaoke” continua Olivieri, “c’è anche la beffa perché la “città” di Teramo viene retrocessa a “comune”. Teramo Vivi Città esige che la storia di Teramo venga rispettata e non oltraggiata, un tempo per una manifestazione avere il patrocinio era un riconoscimento di prestigio, mentre oggi si concede anche alla festa dell’asino ubriaco. E’ comprensibile che l’assessore Campana sia alla disperata ricerca di consensi, ma non può concedere l’uso del logo della città di Teramo al primo venuto. Casomai, se proprio è politicamente incontinente, l’amministrazione crei un logo riservato ai patrocini concessi da Campana”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,933FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate