Contratto di fiume: Pepe appoggia la richiesta di Martinsicuro e Alba Adriatica

Val Vibrata. L’assessore Regionale Dino Pepe accoglie con entusiasmo la sollecitazione ricevuta dai Sindaci di Martinsicuro e Alba Adriatica sulla possibilità di sottoscrivere un contratto di fiume per il torrente Vibrata.

 
I due sindaci, infatti, nell’ottica della risoluzione di una serie di problematiche di natura ambientale, hanno chiesto un incontro al Presidente dell’Unione dei Comuni e allo stesso Dino Pepe per pianificare il percorso.

 

“L’Abruzzo – spiega l’Assessore – è l’unica regione d’Italia ad avere una delega specifica ai contratti di fiume. Sin dall’insediamento della Giunta, ho invitato i sindaci della vallata a valutare la sottoscrizione del patto.
In tutta la regione si è aperta una stagione caratterizzata dal crescente interesse per questo particolare strumento di negoziazione tra enti. In poco più di 2 anni, sono stati avviati oltre 20 contratti di fiume sul territorio regionale.

 

Abbiamo predisposto una serie di delibere (ad esempio la DGR 915/2015 e la DGR 716/2014 ) per offrire agli amministratori di tutto l’Abruzzo strumenti omogenei e concreti per l’avvio di tali contratti. Inoltre abbiamo avviato una collaborazione stretta con le Università abruzzesi e con i rappresentanti del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume, per stimolare le iniziative sul territorio, migliorare i progetti e concertare le esperienze locali con quelle delle altre regioni. Queste esperienze vengono puntualmente esposte nell’annuale Assemblea Regionale dei Contratti di Fiume, organizzata dalla Regione.

 
“La Val Vibrata per la sua vocazione turistica e industriale, non può prescindere dalla necessità di sfruttare le potenzialità di uno strumento così prezioso: esso ci permetterà di aprire un percorso di riqualificazione per il torrente e sarà indispensabile per coinvolgere insieme ai Comuni, tutti i principali portatori d’interesse nello sviluppo della vallata, dagli operatori turistici alle associazioni ambientaliste e Poliservice. Sarà un percorso facile, infatti esiste già un ente capace di programmare ed avviare il contratto, ovvero l’Unione di Comuni Val Vibrata.”
L’Assessore precisa che in Val Vibrata sono già in fase di realizzazione alcune importanti opere con ripercussioni sul piano ambientale. Interventi che fruiscono, nei rispettivi ambiti, di finanziamenti di natura regionale.

 
“Il quadro degli investimenti è molto ricco: la Regione – spiega Pepe – ha investito oltre 16 milioni di euro per la realizzazione degli impianti di depurazione di Alba Adriatica e Tortoreto. Inoltre il Governo Regionale ha erogato oltre un milione di euro (1.350.000) del fondo PAR FSC 2007-2013, alla realizzazione della pista ciclabile lungo il torrente con l’obiettivo di elevare il grado di attrattività turistica territoriale mediante la conservazione e la valorizzazione di hub culturali, sociali, agricoli della vallata. Questa pista completerà verso l’interno, il tracciato della pista ciclopedonale già finanziato per il tratto del litorale nell’ambito del progetto “Bike To Coast”.

 
Proprio i Comuni che condividono la foce del Vibrata, sono stati premiati dalle recenti disposizioni della Giunta guidata dal Presidente D’Alfonso. Infatti la Regione ha partecipato attivamente alla ricostruzione del ponte in legno del Vibrata tra Alba Adriatica e Martinsicuro (400.000 euro) ed ha istruito il percorso di definizione delle progettualità per la difesa della costa: per entrambi i comuni è previsto per tali opere uno stanziamento di 500.000 euro.