-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Tortoreto, crisi politica: il sindaco verso l’azzeramento della giunta

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 2 Novembre 2017 @ 15:47

Tortoreto. Pari dignità tra i consiglieri. Metodo corale e una puntualizzazione: ciascun assessore è funzionale al gruppo di appartenenza e non il contrario.

 

 

 

 

Il giorno dopo la revoca di due assessori (Renato Chicchirichì e Rosita Di Mizio) il sindaco Alessandra Richi motiva la sua decisione. Passaggio politico forte quello del sindaco: ritirare le deleghe a due componenti dell’esecutivo, depositari all’indomani del successo elettorale del 2014 di deleghe “pesanti”.

La crisi politica al Comune di Tortoreto, dopo l’esito “infausto” del consiglio comunale di martedì scorso, è ufficialmente aperta. Ma il sindaco conta nel giro di poco tempo di rimettere assieme tutti i tasselli del mosaico e di ripartire a pieno regime con l’attività amministrativa.

 

 

 

” La decisione non è figlia di nessuna considerazione di tipo personale” spiega il sindaco, ” ma dettata da ragioni di natura esclusivamente politica. La mia è stata una reazione d’obbligo (assenza in consiglio comunale, ndr) per ripristinare pari dignità dei consiglieri e metodo corale. Ma anche per ribadire, con chiarezza che ogni delegato è funzionale al gruppo di appartenenza e non certo il contrario”. Mostra grande determinazione Alessandra Richi, nel processo avviato e nella risoluzione della crisi politico. ” Tutto rientra nel dovere di reciproco rispetto”, prosegue, ” pur in presenza di un eventuale legittimo e aperto contrasto”. L’apertura della crisi nella maggioranza che guida il Comune di Tortoreto, in ogni caso, impone riflessioni, confronti chiari e anche una rapida soluzione, per dare “prosieguo all’azione amministrativa nel solo interesse del paese”, sottolinea ancora il sindaco. Uno dei primi passaggi sarà quello, probabilmente, di azzerare la giunta e di ridefinirne la composizione. In politica, più di ogni altra cosa, contano i numeri. E al di là delle ragioni che hanno prodotto lo scollamento, urge un confronto in seno al gruppo di maggioranza e verificare che peso politico (e numerico) dare alle assenze dell’ultimo consiglio comunale. Prima di ridefinire qualsiasi assetto, serve soprattutto fare chiarezza su tale elemento. I due assessori “epurati”, ieri raggiunti telefonicamente, hanno manifestato “stupore” nel ricevere dal messo comunale il decreto di revoca. Al momento preferiscono non rilasciare dichiarazioni e differire le proprie valutazioni sulla vicenda ai prossimi giorni.  Quando, forse, il quadro sarà chiaro e se lo stesso potrà essere in qualche modo essere ricomposto. Qualsiasi altra opzione (guardare anche ai banchi dell’opposizione), al momento, non sembra essere un percorso praticabile.

 

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate