-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Tortoreto, orti urbani: dall’assegnazione alla coltivazione comunitaria degli spazi

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 3:51

Tortoreto. Come anticipato ieri, il Comune di Tortoreto ha reso nata la graduatoria per l’assegnazione degli orti urbani, a seguito di un bando rivolto sia ai singoli cittadini che alle associazioni, ai movimenti, ai comitati ed alle scuole del territorio.

 

Sono pervenute nei termini richiesti, e sono state valutate ammissibili 8 domande, sono stati attribuiti i punteggi ai partecipanti in base ai progetti presentati, e alla fine è stata formulata la graduatoria, come previsto dal bando. I cittadini si vedranno affidare dei terreni pubblici, delle dimensioni dai 40 agli 80 metri quadrati di superficie, da coltivare con ortaggi, erbe aromatiche o verdure.

 
L’ufficio competente sta perfezionando l’iter burocratico per l’assegnazione, successivamente sono previsti brevi corsi di formazione per trasferire ai partecipanti le conoscenze necessarie a prendersi cura dell’orto; a questa fase seguirà poi quella di coltivazione comunitaria attiva dello spazio assegnato.

” Terminata la predisposizione iniziale degli spazi destinati alla prima “community gardens” tortoretana”, sottolinea l’assessore al patrimonio pubblic, Rosita Di Mizio, ” si inizierà a lavorare “sul campo”. Del resto, che nasca da un’idea particolare di ambientalismo o da un’istanza salutista, l’obiettivo finale di ogni orto condiviso è questo: creare comunità. Permettere alle persone di incontrarsi, cercare soluzioni ai problemi, imparare a gestire insieme i beni comuni e a prendersene cura nel tempo, favorire la partecipazione.

 

 
Gli orti urbani saranno un luogo di aggregazione sociale, ci si proporrà di attivare, nel giro di pochi mesi, conferenze, laboratori didattici e lezioni di consapevolezza ambientale. Gli orti sono un luogo di integrazione sociale e di confronto, a disposizione di una comunità che partecipa e si aggiorna e condivide le proprie iniziative anche attraverso il web. Gli orti sociali sono uno strumento straordinario per la produzione a Km 0, il che significa, oggi, assicurarsi sulle proprie tavole un prodotto buono e genuino, frutto del proprio lavoro, contrariamente a quanto accade nell’agricoltura intensiva della grande distribuzione, troppo spesso carica di pesticidi e Ogm.
Orti urbani sono un progetto pilota da poter replicare in altre aree urbane con l’ausilio dei cittadini residenti disposti a riappropriarsi del patrimonio comunale, per valorizzarlo per la comunità'”.

Il progetto degli orti, oltre ad essere caratterizzato da coltivazioni biologiche con diverse tecnologie agricole sostenibili e innovative, è un luogo di diffusione di cultura e informazione su temi ambientali, alimentari, salutari, etici, sani, dove i cittadini possono alimentare coi loro scarti vegetali il ‘community composting’, cioè il compostaggio di comunità, per riavere successivamente ottimo humus per le loro piante.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,935FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate