-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Giulianova, Retko chiede chiarimenti su Tari, tassa di soggiorno, Imu e Julia Rete L’INTERROGAZIONE

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 0:19

Giulianova. Dopo l’approvazione del bilancio 2015, Fabrizio Retko della lista Linea Retta interroga il sindaco Francesco Mastromauro, l’assessore al Bilancio Katia Verdecchia e l’assessore all’ambiente, Fabio Ruffini, su Tari, tassa di soggiorno, Imu e Julia Rete.

In merito alla tassa sui rifiuti e sul servizio di igiene ambientale, Retko chiede all’Assessore all’Ambiente e al Dirigente “quanto ci costa realmente il servizio e come un così costoso contratto viene gestito e, soprattutto, se viene eseguito nell’interesse della città. Sull’Imposta di soggiorno, ci dica l’Assessore al Bilancio la tariffa prevista, le modalità di applicazione e le presenze calcolate. Sull’IMU, ci indichi l’Assessore al Bilancio dove e quali sono le centinaia di immobili ora classificati come ‘altri immobili’. Sulla Rete Gas, ci illustri l’Assessore al Bilancio il contratto con il ‘Nuovo gestore’, ci dica quando e quanto dovrebbe versare al Comune; ci spieghi, infine, la portata oggettiva della ‘Remunerazione di capitale’”.

L’INTERROGAZIONE INTEGRALE

Al Signor Sindaco
Al Signor Assessore al Bilancio
Al Signor Assessore all’Ambiente

Interrogazione urgente
Bilancio di previsione 2015. Seduta del 7.8.2015: il Consiglio comunale approva il “dissesto”.
Tali le premesse:
– con delibera di Giunta municipale n. 129 del 14.7.2015, veniva tratteggiato il bilancio di previsione per l’esercizio 2015 ed il bilancio pluriennale;
– il Presidente del Consiglio, con atto del 27.7.2015, convocava l’assise civica per il giorno 7.8.2015;
– richiesti tempestivamente i documenti di corredo, essi venivano posti a disposizione solo pochi giorni prima del Consiglio.
Comprendemmo, nell’immediato, i motivi del ritardo: la Giunta non gradiva che potessimo, in tempo congruo, visionare e porre ad analisi (anche critica) la proposta economica dell’Ente.
Ma la documentazione v’era? Voci di corridoio riferivano che essa non c’era, per il momento. Voci di corridoio riferivano che la Giunta era ancora alla ricerca di “numeri” che mancavano.
Tutto vero!!! Con giudizio a posteriori.
Parliamo di “dissesto” finanziario:
1)- TARI: le aliquote sono diminuite, anche se di poco. Non saranno di certo contenti coloro che si son visti recapitare cartelle esattoriali di importo superiore a quello dell’anno precedente. Non sono state avvertite le circa 6.000 utenze (né si è pensato di farlo) in ordine al fatto che lo sgravio del 20% non sarebbe stato più applicato. Quelle utenze di certo non facoltose, giacchè prima ritenute svantaggiate.
Ma non è questo il punto: in sede di consuntivo, chiederemo conto all’Assessore del ramo ed al preposto Dirigente dei risultati della loro encomiabile opera. Valuteremo i costi effettivi del servizio, con annessi e connessi, onde verificare l’esistenza di un reale risparmio. Valuteremo, a fine settembre, la meritoria condotta del Consorzio Balneatori, verificheremo, ossia, il costo effettivo da loro sopportato per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, comparandolo con quello che avrebbero dovuto corrispondere con il solo intervento del Comune. Qualora dovessero esser confermati i dati ad oggi raccolti, farebbero bene a redimersi l’Assessore ed il Dirigente che ebbero a concepire e sottoscrivere quell’indecente contratto con la EcoTeDi. Una domanda d’obbligo: se riesce ad economizzare il Consorzio Balneatori, perché altrettanto non può fare il Comune? Vi è, forse, qualcosa che non riusciamo a comprendere?

2)- IMPOSTA DI SOGGIORNO: un’amenità. L’importo di 355.000 euro tirato lì a caso (a meno che l’Assessore non si avvalga della Pizia, l’oracolo).
Quanti turisti saranno presenti a Giulianova nell’anno 2016? Quale aliquota per ogni persona? A giorno? A soggiorno?
Ma quel che stupisce è l’importo indicato in numeri quasi decimali (355.000, non 350.000, né 360.000). Tale importo altro non era se non il toccasana, il Dulcamara del buco di bilancio. Ossia:
“Questa voce come la copriamo?
Con l’imposta di soggiorno!
E quant’è?
Boh!
Quanto manca per pareggiare il bilancio?
355.000 euro!
Bene, è quanto frutterà l’imposta di soggiorno!”
Noi diciamo: principianti e sprovveduti. V’è stato, forse, da parte di qualcuno il censimento dei turisti presenti negli anni immediatamente precedenti ed un’analisi di quelli che potrebbero venire nei prossimi anni, depuratori permettendo?

3)- IMU: altra amenità, stavolta dolosa.
A Giulianova sembrano lievitati, dalla mattina alla sera, alcune centinaia di cosiddetti “altri immobili”, tanti da autorizzare l’Assessore al Bilancio a prevedere maggiori incassi (oltre un milione e mezzo di euro). Tanto avverrà (più correttamente, avverrebbe) nel corso del 2015, tra entrate ordinarie ed accertamenti.
Chiederemo dove e quali sono tutti quegli immobili che, in circa quattro mesi, dovrebbero portare nelle casse comunali un così cospicuo fiume di denaro.

4)- RETE GAS: la chicca del “dissesto”.
La Julia Reti, oggi, rende al Comune un utile annuo di 550.000 euro.
Che illogicità: la Giunta presume di incassare, nel corrente anno 2015, la somma di euro 1.545.635, ossia due volte in più rispetto a quanto percepirebbe dalla Julia Reti. Ma, purtroppo, siamo a settembre 2015. Il “nuovo gestore”, per i prossimi (soli) tre mesi, dovrebbe elargire l’irrisoria somma di euro 1.545.635, senza aver ricevuto alcun controvalore.
Puerili! Ed nel bilancio approvato, cos’è la remunerazione di capitale (355.392 euro) e cos’è il “Contratto nuovo gestore”, il quale dovrebbe incrementare l’incasso del Comune per oltre 995 mila euro? Puerili.
C’è, davvero, il nuovo gestore che dovrebbe far beneficenza al Comune? Se già c’è e non l’avete detto, la gravità del silenzio sarebbe inaudita.
Noi da tempo diciamo che il Comune è in dissesto. Abbiate la pudicizia di dirlo anche voi.
Come saranno coperte le minori entrate? Con il prelevamento dal fondo di riserva, escamotage già utilizzata con una recentissima delibera di Giunta, la n. 144 del 21.8.2015 (della quale abbiamo repentinamente chiesto copia).

Un accenno al “dissesto” politico: sono in atto fermenti scissionisti nella maggioranza. Voci di piazza riferiscono che, trascorsi due anni e mezzo dall’inizio mandato, il Sindaco verrà mandato a casa. Facciano loro.
Comunque, va dato rispetto all’anima giovane del P.D., quella schietta, quella che mostra il disagio di appartenere a quella maggioranza, conscia di dover debellare quel male che s’annida tra le vecchie carie del vecchio partito comunista, quelle carie ormai fuori dal tempo.

CONTENUTO DELL’INTERROGAZIONE
Per quanto in premessa,
interroghiamo le SS.LL. affinchè diano contezza ai seguenti quesiti:
– sulla TARI e sul servizio di igiene ambientale, anche dopo le note critiche della CGIL, qualcuno, tra Assessore all’Ambiente, Dirigente e quant’altri, ci spieghi quanto ci costa realmente il servizio e come un così costoso contratto viene gestito e, soprattutto, se viene eseguito nell’interesse della città;
– sull’Imposta di soggiorno, ci dica l’Assessore al Bilancio la tariffa prevista, le modalità di applicazione e le presenze calcolate;
– sull’IMU, ci indichi l’Assessore al Bilancio dove e quali sono le centinaia di immobili ora classificati come “altri immobili”;
– sulla RETE GAS, ci illustri l’Assessore al Bilancio il contratto con il “Nuovo gestore”, ci dica quando e quanto dovrebbe versare al Comune; ci spieghi, infine, la portata oggettiva della “Remunerazione di capitale”.
Gruppo consiliare Linea Retta
Fabrizio Retko

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,934FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate