Tortoreto, arrivano le guardie ambientali per il controllo del territorio: sottoscritta la convenzione

Tortoreto. Sottoscrtitta la convenzione tra il Comune di Tortoreto e le Guardie Ambientali d’Italia (Gadit), nell’ottica delle tutela ambientale e e sicurezza del territorio. Venerdì scorso infatti, è stato firmato il protocoloo d’intesa finalizzato ad intensificare forme di controllo sul territorio, in materia ambientale, aspetto questo che è anche molto sentito dalla cittadinanza e che presuppone, nel periodo estivo, l’adozione di ulteriori acorgimenti.

 
Da un punto di vista operativo, l’attività delle guardie ambientali sarà svolto in collaborazione con il comando della polizia municipale e l’ufficio manutenzione e ambiente.

“La collaborazione tra l’assessorato alla polizia municipale, nella figura dell’assessore Arianna Del Sordo”, spiega il sindaco, Alessandra Richi, “e quello all’ambiente, nella figura dell’assessore Renato Chicchirichì, ha consentito la realizzazione di un progetto, finalizzato alla vigilanza sul territorio comunale, dei reati di inquinamento ambientale, di controllo degli scarichi abusivi e del corretto smaltimento dei rifiuti solidi urbani, nonché per quanto attiene la prevenzione di eventuali pericoli da inquinamento.
La convenzione con le Guardie Ambientali d’Italia sarà finalizzata anche al controllo e vigilanza dell’attività zoofila, al supporto e ausilio del settore di polizia locale in azioni di contrasto all’abusivismo commerciale, oltre alla corretta applicazione delle regolamentazioni comunali in materia di igiene e sanità, tali interventi interesseranno tutte le aree del territorio comunale in diversi archi temporali per i prossimi dodici mesi”.

Tale iniziativa, puntualizza la Richi, assunta vuole rinsaldare il proprio impegno in direzione della crescita della cultura ambientale sul territorio, rispondere in maniera incisiva alla domanda di sicurezza, ma anche di decoro urbano, avanzata dai cittadini.
Il percorso intrapreso in tal senso, continuerà attraverso la progressiva rivisitazione degli strumenti normativi comunali, al fine di arrivare ad una migliore attuazione degli stessi.