Teramo, Università tra Biodiversità e agroalimentare

Ultimo Aggiornamento: martedì, 12 Giugno 2018 @ 13:26

Si svolgerà all’Università di Teramo, da mercoledì 13 a venerdì 15 giugno 2018, il XII Convegno Nazionale sulla Biodiversità, che presenterà studi e ricerche su “Biodiversità, Ambienti, Salute”, tematiche interconnesse fra loro che, insieme al cambiamento climatico, caratterizzano la sfida strategica per uno sviluppo sostenibile.

Il congresso è stato organizzato dall’Università degli Studi di Teramo, in collaborazione con l’Università di L’Aquila, l’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, l’Accademia delle Scienze della Biodiversità Mediterranea.

Il XII Convegno Nazionale sulla Biodiversità prosegue un percorso di confronto iniziato 23 anni fa su tematiche relative agli ambiti del cosiddetto trittico della biodiversità (intraspecifica, interspecifica, ecosistemica) per contribuire a promuovere l’avanzamento delle conoscenze sulla base dei risultati della ricerca fondata sul rigore del metodo scientifico.

REP-EAT. Quali sono gli scenari, tecnologici e competitivi, che legano il settore dell’agroalimentare e quello della salute? Cosa può fare la ricerca per tenere il sistema produttivo abruzzese legato alle nuove sfide di innovazione?

Sono alcune delle domande a cui darà risposta il REP-EAT Innovation Forum, il meeting annuale del Progetto REP-EAT che si terrà giovedì 14 e venerdì 15 giugno.

Giovedì 14, a partire dalle ore 14.00, il Forum si svolgerà a L’Aquila, nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze umane (via Nizza 14) mentre venerdì 15 l’appuntamento è all’Università di Teramo, a partire dalle ore 9.00, nella Sala delle lauree della Facoltà di Giurisprudenza.