Teramo, lezione di legalità e giustizia con il Generale Luigi Robusto

Importante convegno oggi presso la scuola “Falcone e Borsellino” di Villa Vomano a Teramo. Organizzato dalla Preside, Letizia Fatigati, “Da che parte stare… quel fresco profumo di libertà” era dedicato alla memoria dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

La manifestazione, ha visto come ospite d’onore il Generale di Corpo d’Armata dell’Arma dei Carabinieri Luigi Robusto, attuale Comandante Interregionale “Culqualber” con sede in Messina e giurisdizione sulle Regioni Sicilia e Calabria, particolarmente legato alla terra d’Abruzzo visto che è nato ad Atri.

Hanno presenziato all’evento le massime autorità provinciali, il Prefetto Graziella Patrizi, il Vescovo Lorenzo Leuzzi, il sindaco Gianguido D’Alberto, il comandante provinciale dei carabinieri Emanuele Pipola, il Questore Enrico De Simone ed il Rettore Dino Mastrocola, nonché i sindaci di Atri, Basciano e Penna Sant’Andrea.

Particolarmente significativa è stata la cerimonia della deposizione della corona di alloro, in omaggio al monumento “Il sorriso” dedicato a Falcone e Borsellino, da parte di due giovani universitari dell’Università di Teramo, tra i fondatori dell’Associazione “Omertà, diffida del silenzio”.

Il Generale Robusto, dopo aver preso la parola, ha coinvolto i circa 300 ragazzi presenti, i docenti, i genitori e le alte autorità presenti con profonde e commoventi riflessioni su alcuni passaggi della sua vita professionale e privata, che ne hanno caratterizzato la lunga carriera di uomo dello Stato.

Al termine della manifestazione, la preside ha chiosato sulla figura del Generale e sul suo intervento: “Il Generale non è stato solo un ospite, ma ha vissuto e ci ha fatto vivere una mattinata di emozioni, di insegnamenti e di orientamento alla legalità, da abruzzese a casa sua, con gioia e tanta serenità, donando all’intera comunità educante dell’I. C. Falcone e Borsellino un importante e sentito contributo sul tema della legalità”.