Teramo, dibattito sulla cultura nella sala polifunzionale della Provincia

Ultimo Aggiornamento: martedì, 30 Gennaio 2018 @ 17:39

Si è svolta stamattina presso la sede dell’associazione  Teramo Nostra, la conferenza stampa di presentazione del convegno a tema sulla cultura dal titolo:”CULTURA, UN RENDIMENTO CHE RENDE”, fissato per sabato prossimo 3 febbraio alle ore 10:00, presso la Sala Polifunzionale della Provincia in via Comi.

Il convegno è  organizzato da tre associazioni che operano sul territorio cittadino: Coordinamento Comitati di Quartiere di Teramo, Teramo Città Solidale & Cittadinanza Attiva e dall’Associazione Culturale Cultura e Vangelo, nonché da altre associazioni presenti sul territorio anche in ambito provinciale che hanno aderito all’iniziativa.

Erano presenti, Giuliano Lucenti in qualità di Presidente del Coordinamento Comitati di Quartiere di Teramo, Elisa Ciapanna in rappresentanza di Teramo Città Solidale & Cittadinanza Attiva, Angelo Del Sordo in rappresentanza dell’Associazione Culturale Cultura e Vangelo e il Prof. Franco Eugeni docente universitario e rappresentante dell’Associazione di Filosofia delle Scienze Umane. Nel corso della conferenza di presentazione,  Giuliano Lucenti ha sottolineato che il convegno è stato promosso a facendo seguito della particolare e difficile situazione che interessa la città di Teramo a causa dei recenti eventi naturali, la crisi economica e il conseguente spopolamento di numerose nuclei familiari che non vivono più in città.

L’intento dell’iniziativa in programma è quello di avanzare una prima riflessione sul rilancio del tema della cultura a Teramo che parte dalla base rappresentata dai comitati di quartiere e dalle numerose associazioni cittadine aderenti all’iniziativa.

Elisa Ciapanna ha evidenziato che l’iniziativa mira a raccogliere tutte le idee e le proposte che emergeranno nel corso dell’incontro che verranno elaborate e inserite in un Manifesto della Cultura che sarà sottoposto all’attenzione di tutti i soggetti che saranno chiamati ad amministrare la città.

Pertanto, considerata la complessità dell’argomento in trattazione il convegno previsto per sabato 3 febbraio deve considerarsi solo un punto di partenza e non un punto di arrivo di un percorso molto ben più lungo che le associazioni, i comitati civici, le istituzioni, gli ordini professionali e gli operatori culturali con particolare riferimento al mondo della scuola e dell’università dovranno svolgere assieme.  Al riguardo, il Prof. Franco Eugeni ha ribadito l’importanza e il ruolo rilevante che in tale contesto di crescita culturale della città possono rappresentare i giovani  studenti delle scuole e dell’università.