Teramo, Aldo Serafini: la sua storia in una monografia

Il Club Automoto Storiche di Teramo (CAST), su impulso del suo presidente Carmine Cellinese, che è anche presidente ACI Teramo, ha dato alle stampe una monografia dedicata alla figura di Aldo Serafini, teramano originario di Villa Volpe che è stato persona emblematica di quello che negli anni è stato definito un vero e proprio laboratorio dell’automobilismo teramano a livello nazionale.

Il volume, prodotto dal Cast in collaborazione con l’Asi (Automotoclub Storico Italiano) è affidato alla penna di Paolo Martocchia, e si intitola “Aldo Serafini”: il pilota specialista delle curve su due ruote che sbalordì Caracas”.

“E’ stato per me motivo di onore e di grande soddisfazione contribuire a far nascere questo volume dedicato ad Aldo Serafini – dichiara il presidente Carmine Cellinese – nostro amico e socio del Club Automoto storiche Teramo, perché il suo vissuto rappresenta un po’ la storia della Teramo del dopoguerra, quando l’impegno della popolazione era concentrato sulla ricostruzione e le materie prime scarseggiavano. Il lavoro rappresentava una vera e propria “conquista” ed egli, dopo aver fatto l’apprendista dal maestro carrozziere Foschini, decide di espatriare in Venezuela, in quel tempo definita «terra di progresso». Oggi, a distanza di mezzo secolo, nel solco percorso dal nostro club, la testimonianza di Serafini rappresenta un vero esempio da prendere in considerazione, perché proprio in virtù dell’espatrio, del lavoro e dei sacrifici, ci insegna che la vita può essere vissuta con determinazione, mai disgiunta dall’umiltà e dalla correttezza. Ritengo che la sua testimonianza di vita coincida con l’importanza di valori che tutti noi siamo chiamati a riscoprire in questa epoca delicata, segnata da una pandemia che ci spinge a ritrovare una rinascita e a guardare lontano come ha fatto Aldo Serafini”.