-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Premio Borsellino: 5 appuntamenti nelle scuole abruzzesi. Il dettaglio

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 27 Ottobre 2021 @ 15:32

Giornata piena, quella di domani, 28 ottobre, per l’edizione numero 25 del Premio Paolo Borsellino. Saranno ben 5 gli appuntamenti previsti nelle scuole abruzzesi.

 

Il dettaglio

 

PESCARA

Don Aniello Manganiello  sarà alle ore 9,00 all’Istituto comprensivo PE4  della dirigente Daniela Morgione  per presentare il libro “Gesù è più forte della camorra”..

Alle ore 11 il  Premio torna all’Istituto Pe1  di Rancitelli della dirigente Teresa Ascione.  Con don Aniello  Managniello  ci saranno  l’avvocato Antonio La scala e il Sindaco Carlo Masci.

Alle ore 10,30 incontro straordinario per gli studenti  del Liceo D’Ascanio di Montesilvano con Leonardo Guarnotta, membro del pool antimafia di Palermo con Falcone, Di Lello  e Borsellino, che presenterà agli studenti il suo libro “C’era una volta il pool antimafia”. Con lui ci saranno  il docente Graziano Fabrizi e la dirigente delll’Istituto  Filomena Mammarella.

Alle ore 16,00  altro  incontro  dell’ulta ottantenne   Leonardo Guarnotta  ma questa volta con gli studenti del Liceo D’Annunzio. Con lui presenteranno il libro e racconteranno le figure di Falcone e Borsellino la docente Monica Mariani e la dirigente Antonella Sanvitale.

 

ROSETO

All’Istituto 1 di Roseto degli Abruzzi, alle  ore 11,00, il generale dei Carabinieri Angiolo Pellegrini, già braccio destro di Falcone, e la giornalista Anna Grazie Mazzola inviata speciale del TG1, presenteranno il libro “Noi gli uomini di Falcone”. A presentarli il Sindaco Mario Nugnes e la dirigente  Maria Gabriella Di Domenico.

 

Questo grande sforzo che segna la 25 edizione del Premio nasce dalla consapevolezza che, nelle regioni dove penetra Il fenomeno mafioso assume la caratteristica di una macchina distruttrice e inesorabile, di una forza dominante, tanto da connotare in negativo la società pregiudicandone il corretto sviluppo nella produzione e nel lavoro. Ma  Gli uomini passano, le idee restano e camminano sulle gambe di altri uomini”.

Grazie al protagonismo di istituzioni sensibili, associazioni, giovani, educatori e testimoni la memoria fa parte del nostro stesso senso civico. Oggi la cosa più importante che si possa fare per onorare la loro memoria sia non abbassare la guardia pur tra mille difficoltà. È uno scontro che non consente mediazioni e che si combatte su più fronti. Su quello della prevenzione e della repressione ma anche su quello culturale. Se è vero che alle parole appassionate di Gesualdo Bufalino facevano eco gli appelli del giudice Falcone: “prima di tutto serve un esercito di maestri per combattere la mafia”. Per questo è fondamentale perpetuare il loro ricordo per difendere i valori più importanti della nostra comunità.

 

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate