Fano a Corno, “I suonatori della Valle Siciliana”: al via i corsi per la costruzione degli strumenti popolari

Prenderanno il via mercoledì 6 novembre i corsi completamente gratuiti della nuova scuola di musica popolare e liuteria artigianale “I suonatori della Valle Siciliana”.

 

Laboratori artigianali per imparare a costruire strumenti popolari come zampogne e tamburi. Corsi di musica per suonare l’organetto, il piffero, la zampogna, i tamburi e la chitarra. E corsi di canto popolare per dare nuova voce a stornelli, serenate, ballate e filastrocche della tradizione.

I corsi promossi dal progetto RAdiCI, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, saranno tenuti da insegnanti e liutai specializzati nel settore della musica tradizionale, diretti dall’etnomusicologo e fondatore del gruppo etnico il Passagallo Carlo Di Silvestre, e si svolgeranno nell’ex edificio scolastico di Fano a Corno che l’Amministrazione Comunale di Isola del Gran Sasso ha voluto destinare alla formazione musicale delle nuove generazioni. Al termine dei corsi, i partecipanti daranno vita all’Orchestra Popolare del Gran Sasso: un’orchestra intergenerazionale e interculturale, diretta dall’etnomusicologo Carlo Di Silvestre, che divulgherà il patrimonio sonoro regionale e offrirà ai ragazzi l’accesso gratuito alla formazione musicale.

Il calendario dei corsi. I corsi sono completamente gratuiti e i posti limitati. Per informazioni e iscrizioni è possibile inviare una e-mail a info@istitutoteatromediterraneo.it o chiamare i numeri 338.7070751 e 366.6286924. Il calendario è disponibile di seguito e a questo link.

I promotori del progetto. L’iniziativa, promossa dalla Sezione italiana dell’Istituto Internazionale del Teatro del Mediterraneo e dal Comune di Isola del Gran Sasso, nasce in seno al progetto “RAdiCI. Ri-costruire l’Avvenire di una Comunità Integrata” selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile ed è realizzata con la collaborazione del Comune di Isola del Gran Sasso e il patrocinio dei Comuni di Castel Castagna, Castelli, Colledara, Montorio al Vomano e Tossicia.