Curiosando, ad Alba Adriatica il mercatino dell’antiquariato il 15 e 16 agosto

Dopo il successo dell’edizione di luglio, arriva ad Alba Adriatica l’edizione di Ferragosto di Curiosando, il mercatino di antiquariato e collezionismo più diffuso della riviera adriatica.

 

 

Il 15 e 16 agosto Curiosando cambia location e si sposta sul Lungomare Nord, Rotonda Nilo, dove antiquari e collezionisti accoglieranno gli appassionati e i curiosi alla ricerca di oggetti rari e preziosi.

 

Curiosando, evento organizzato dalla ditta Brandozzi A. & C. snc che opera nel settore delle mostre di antiquariato da oltre vent’anni, è un marchio registrato, nato nel 1997 nella riviera teramana con i primi mercatini di antiquariato e collezionismo che in estate intrattenevano turisti e cittadini. Negli anni il Mercatino Curiosando si è consolidato, diventando punto di riferimento delle mostre evento di antiquariato nel centro Italia, varcando i confini regionali. Espositori professionisti del settore antiquario riconoscono in Curiosando un marchio di qualità, garanzia di alto livello degli espositori partecipanti.

 

L’appuntamento di Alba Adriatica si inserisce all’interno del Tour 2020 di Curiosando che ogni anno coinvolge oltre 100 mila visitatori e oltre 300 antiquari.

 

Anche per questa edizione sarà allestita la mostra “Antichi mestieri d’Abruzzo e Regno di Napoli” che illustrerà gli antichi mestieri abruzzesi attraverso antiche stampe provenienti dalla Collezione Gianni Brandozzi: stampe di costumi e antichi mestieri, datate dal XVI al XIX secolo, realizzate da importanti artisti quali Filippo Palazzi, Basilio Cascella, Bartolomeo Pinelli, Giacomo Milani, Annibale Carracci, etc. mostreranno costumi e antichi mestieri, principalmente del Centro Italia, e in particolare dell’Abruzzo.

 

Una mostra affascinante che permetterà di “vestire i panni” di calzolai, osti, venditori ambulanti e tanti altri personaggi del passato, che ad oggi rappresentano una delle pagine più affascinanti della storia, quella più tangibile fatta non dai grandi eventi, ma dalla quotidianità. La mostra sarà corredata da pannelli didascalici che guideranno il visitatore lungo il percorso espositivo, illustrando il funzionamento dei vari mestieri con notizie e curiosità.