Coronavirus, la Fondazione Tercas chiude la sede e si affida allo smart working

La Fondazione Tercas adotta lo smart working e chiude la sede, garantendo i servizi e lo svolgimento delle attività.

Gli uffici della Fondazione nella sede di Palazzo Melatino a Teramo, resteranno chiusi al pubblico a partire da domani, mercoledì 11 marzo, sino a nuova comunicazione, a causa dell’emergenza sanitaria in corso, ma l’intera struttura continuerà a garantire i servizi principali e lo svolgimento delle attività in modalità smart working.

Anche gli Organi della Fondazione proseguiranno le loro attività in via telematica, assicurando così la continuità nelle decisioni che sono rilevanti per il territorio di riferimento.

“In un momento così complesso, siamo consapevoli che ciò che facciamo insieme a tutti voi, è importante per il bene della nostra comunità. L’innovazione digitale e la tecnologia ci permettono, ora, di riorganizzarci svolgendo il nostro lavoro, ognuno da postazione remota – si dice in una nota –  Per quanto riguarda i Bandi relativi al Rinnovo dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Revisori, con scadenza 25 marzo 2020 e disponibili sul Sito Internet della Fondazione (www.fondazionetercas.it), si intende che le candidature ed i relativi allegati dovranno essere trasmessi in busta chiusa all’indirizzo della Fondazione Tercas (Largo Melatini n. 17/23 – 64100 Teramo) esclusivamente mediante la seguente modalità: “Posta Raccomandata 1 con Prova di Consegna” di Poste Italiane Spa da inviare entro il termine inderogabile di mercoledì 25 marzo 2020; il plico suddetto dovrà recare all’esterno la seguente dicitura: “Candidatura per la nomina a Consigliere di Amministrazione”; oppure “Candidatura per la nomina a Componente del Collegio dei Revisori”. Siamo a disposizione con la modalità della posta elettronica ai seguenti indirizzi: per informazioni info@fondazionetercas.it, per posta certificata fondazionetercas@legalmail.it”.