Guida Blu 2014 Legambiente: Giulianova perde anche una vela

golettaverdeGiulianova. Pubblicata la Guida Blu 2014 di Legambiente e Touring Club Italiano con le pagelle ambientali delle località balneari di tutta Italia: i voti vanno dalle “5 vele” per le località di eccellenza ad una sola vela per le località più scadenti.

Purtroppo quest’anno Giulianova viene declassata e perde una vela, passando dalle tre vele dello scorso anno a due sole vele. Dopo i risultati negativi delle ultime analisi di Goletta verde c’era da aspettarselo, e la recente perdita della Bandiera Blu sempre per la qualità delle acque non ha fatto che confermare la situazione negativa.

Il locale Circolo Legambiente FIAB Giulianova esprime “il proprio rammarico per la bocciatura e ritiene doveroso che si intervenga presto e con determinazione. L’ambiente pulito non può essere considerato un lusso, è invece il bene comune per eccellenza, da cui dipendono salute, qualità della vita e anche benessere socio-economico, soprattutto per una città a vocazione turistica come Giulianova. Vanno riconosciuti gli sforzi fatti dalla città negli ultimi anni in tal senso, in particolare per la realizzazione del nuovo depuratore, gli interventi sul verde, il contrasto al consumo di suolo per la raccolta differenziata, sia con il porta a porta sia con la separazione dello spiaggiato. Riguardo la raccolta porta a porta Legambiente ha contribuito in proficua collaborazione con l’Amministrazione comunale all’educazione alla differenziata e al servizio distribuzione buste. Purtroppo, a fronte di successi che hanno contribuito ai riconoscimenti degli scorsi anni, ci sono gli aspetti negativi sul fronte delle politiche turistiche e della mobilità”.

Poi qualche frecciatina a Forcellese: “Non ha certo giovato alla città il muro contro muro dell’assessore uscente al turismo riguardo le analisi di Goletta Verde: il mare non si pulisce con i comunicati stampa, ma riconoscendo le criticità e affrontandole di petto con onestà e decisione, come si è fatto per la differenziata e per il depuratore. Al di là del problema fiumi, che è sovracomunale, vi è il problema degli allacci fognari abusivi sui canali a mare: un problema storico che è stato di recente affrontato a valle, ma che deve essere estirpato a monte individuando ed eliminando tutti gli allacci abusivi. Allo stesso modo non ha giovato presentarsi in questi anni ai valutatori della Guida Blu senza risultati sul fronte della mobilità sostenibile, che è invece un aspetto determinate per la qualità ambientale di qualsiasi città, ancor più se a vocazione turistica”.

Legambiente Giulianova si appella al Sindaco Francesco Mastromauro, cui vanno le congratulazioni per la recente rielezione, per un impegno straordinario e una discontinuità nella nuova giunta sul fronte del turismo e della mobilità. Legambiente rifiuta la logica del “tanto peggio tanto meglio”, e rinnova pertanto all’amministrazione la piena e totale disponibilità a collaborare per l’ambiente e per il futuro sostenibile della nostra città: Giulianova ha un potenziale straordinario, e quando vuole sa dimostrarlo.