Teramo, ricostruzione: presto autocertificazione dei tecnici

Una videoconferenza importante quella tenutasi in occasione del primo incontro del Comitato Istituzionale della Regione Abruzzo, alla presenza del nuovo Commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini, del Presidente della Regione Marsilio, dei sindaci, dei senatori Stefania Pezzopane e Gaetano Quagliariello, nonché del direttore USR.

Il tema della ricostruzione, ha sottolineato nel corso della riunione il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, resta la priorità assoluta. “La tragica emergenza sanitaria, che stiamo combattendo duramente e quotidianamente, non dovrà distrarci dall’obiettivo primario della ripartenza post-sisma”. D’Alberto rileva il cambio di passo che il nuovo Commissario ha prodotto per consentire lo sblocco dello stallo, e sottolinea come abbia condiviso le scelte attuate appunto da Giovanni Legnini in questa prima fase, nonché partecipato alla discussione sui provvedimenti che a breve verranno approvati e che porteranno alla semplificazione delle procedure. Grazie a tale impulso generale, si prospetta particolare accelerazione per la ricostruzione privata, con l’introduzione dell’autocertificazione da parte dei tecnici professionisti che consentirà di definire in tempi certi l’iter burocratico.

“Continueremo quotidianamente a migliorare l’attuale scenario normativo – afferma ancora il Sindaco D’Alberto – grazie a Legnini, che ha assoluta consapevolezza della ferita abitativa, sociale ed economica causata dal sisma, con l’unica certezza del tempo già trascorso assolutamente da recuperare. Sono convinto – prosegue – che il Commissario Legnini possa garantire la strada per superare le tante problematiche che vivono i territori del Centro Italia colpiti dal 2016 e seguenti.

“In questa fase – conclude D’Alberto – oltre al fondamentale ruolo di Commissario per la ricostruzione, Legnini dovrà incidere con forza sulla definizione chirurgica delle procedure; operazione cui noi sindaci, proprio per il ruolo che svolgiamo quotidianamente, possiamo fornire il nostro contributo. Il tempo di attesa per le migliaia di sfollati, che ancora una volta ringrazio profondamente per come stanno reagendo, è terminato. Ora è nostra assoluta responsabilità iniziare a comunicare i tempi certi entro cui loro potranno finalmente rientrare nei propri alloggi”.