Teramo, morto sulle scale del Mazzini: deceduto per una polmonite

È stata una polmonite bilaterale acuta a uccidere Mattia Di Mattia, il 56enne di Rocca Santa Maria morto sulle scale del reparto di radiologia dell’ospedale Mazzini di Teramo, dopo essere stato sottoposto a una radiografia al torace, prescritta dal suo medico curante.

Lo avrebbe stabilito l’autopsia eseguita quest’oggi, per chiarire se il decesso del paziente possa aver avuto responsabilità mediche o dell’organizzazione sanitaria del nosocomio.

La procura, nella persona del pm Laura Colica, ha infatti iscritto nel registro degli indagati il medico curante del paziente e un amministrativo in servizio al pronto soccorso, quale atto dovuto per permettere la nomina di un consulente nell’esecuzione dell’esame medico legale.

Di Mattia sarebbe giunto all’ospedale Mazzini in condizioni critiche, in crisi respiratoria per una polmonite devastante, e si sarebbe recato con le sue gambe in radiologia, senza passare attraverso il triage sanitario del pronto soccorso, dove si sarebbe presentato invece il fratello con una delle due impegnative prescritte dal medico curante.