Silvi, in programma un nuovo sottopasso che collega la Statale con il lungomare

Silvi. La giunta comunale ha avviato l’iter tecnico/amministrativo per la realizzazione di un nuovo sottopasso ferroviario di collegamento della SS 16 con il lungomare.

 

“E’ ferma volontà dell’amministrazione comunale – ha detto l’assessore Gianpaolo Lella – di dotare la città di almeno un altro sottopasso veicolare. A seguito dell’eliminazione del passaggio a livello di Rampa Simoni Mariannina si è creata una marcata distanza tra i due sottopassi esistenti, quello di Rampa Fiume, peraltro a senso unico, e quello denominato Palestini. A ciò si aggiunga – ha sottolineato l’assessore Lella – che in quel tratto non dotato di sottopassi veicolari insistono strutture e servizi di grande rilevanza, quali la stazione FS e la grande Chiesa parrocchiale di S. M. Assunta. Nei circa 6 chilometri di abitato della marina, attualmente ci sono solo sei sottopassi fruibili dalle auto, troppo pochi non solo per le esigenze dei cittadini ma anche per regolamentare in maniera migliore il traffico non solo estivo”.

“Con l’atto di indirizzo che abbiamo approvato in giunta – ha detto il sindaco Andrea Scordella – chiediamo alla nostra Area Tecnica di predisporre uno studio di fattibilità tecnico/economica sulla possibilità di realizzare un nuovo sottopasso ferroviario per autoveicoli da realizzare in prossimità della piazzetta di via della Repubblica ed, eventualmente, anche in altre zone tecnicamente idonee comprese tra Rampa Fiume e sottopasso Palestini. Con RFI – ha aggiunto il sindaco Scordella – stiamo cercando di chiudere per iniziare i lavori di adeguamento del sottopasso di via Taranto ai grandi mezzi di trasporto e di sicurezza e non appena i nostri uffici tecnici ci consegneranno lo Studio di fattibilità avvieremo con RFI anche le trattative per la realizzazione di questa nuova opera”.

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.