Silvi, divieto di balneazione dai grandi alberghi fino alla foce del Piomba

divieto silvi

Silvi. Con un’ordinanza datata 23 agosto 2019, il Comune di Silvi dispone la chiusura del tratto di mare compreso tra la zona dei grandi alberghi e la foce del torrente Piomba.

L’acqua, secondo le analisi dell’Arta, sarebbe contaminata dal batterio Escherichia coli.

Immediate le reazioni delle opposizioni. Il consigliere di minoranza Vito Partipilo, sulla sua pagina Facebook, porta all’attenzione di tutti, i casi di gastroenterite registrati qualche giorno fa a Silvi: “Il Sindaco, primo responsabile sanitario della città, rilasciava rassicuranti e tempestive dichiarazioni circa il “problema” delle gastroenteriti in città, salvo poi, oggi, emettere una ordinanza di divieto di balneazione. Speriamo che questa ennesima superficialità, non ci costi, assieme al problema rifiuti, la bandiera Blu e Verde, che con tanto sacrificio nel 2015 riconquistammo”.

Anche il M5S non ci sta: “Le analisi microbiologiche dei campioni di acqua di scarico hanno evidenziato la presenza significativa dell’indice di contaminazione fecale Escherichia coli. In altre parole sembra che l’Aca, affidataria della rete fognante pubblica, abbia nuovamente creato un problema al nostro Comune. Ai contenziosi, alle continue perdite d’acqua, ai perenni guasti, subiamo anche l’enorme danno di dover imporre il divieto di balneazione negli ultimi giorni di una già difficile stagione. Appare ormai evidente che pretendere seri monitoraggi della rete fognaria e la chiusura degli scarichi abusivi debba diventare la priorità per questa amministrazione. Salute pubblica in pericolo, inquinamento batterico incontrollato e danni economici agli operatori turistici: tutto questo, ricordiamo ai nostri amministratori attenti solo alla pubblicità delle bandiera blu, non può essere ciclicamente tollerato ma preventivamente ed opportunamente evitato”.