Roseto, UGL chiede chiarezza: ‘spiagge libere affidate a ditta non idonea’

Roseto. “A seguito delle segnalazioni ricevute dai lavoratori chiediamo agli Organi Competenti se l’affidamento delle spiagge libere a Roseto sia regolare”.

Lo ha dichiarato il Segretario Regionale Abruzzo UGL Sicurezza Civile, Fabio Urbini, spiegando che “non risulta infatti che la ditta affidataria sia un Istituto di Vigilanza Autorizzato, tanto più che l’area da vigilare risulta essere Demaniale. Ci chiediamo quindi come possa succedere che un Ente Pubblico affidi un servizio che dovrebbe essere di esclusiva degli Istituti di Vigilanza autorizzati a una ditta individuale sprovvista delle opportune Autorizzazioni”.

L’UGL ha chiesto quindi al Comune di Roseto e alla Prefettura e Questura di Teramo di fare chiarezza sull’affidamento delle spiagge libere rosetane.

“Ci auguriamo che Prefettura e Questura vogliano immediatamente fare chiarezza sull’accaduto tutelando così un settore che ogni giorno subisce la concorrenza sleale di chi non è in possesso delle opportune autorizzazioni, ma ancora più grave è quando è un ente pubblico ad effettuare questo tipo di affidamenti”, conclude Urbini.