Roseto, questione Salpa: stop dei sindacati al lavoro domenicale

Roseto. Vertice in Regione, nella giornata di ieri, tra le organizzazioni sindacali, rsu, la proprietà della Salpa di Roseto e l’assessore regionale Emanuele Imprudente.

 

Tema del tavolo di confronto, chiesto dai sindacati, era quello di monitorare, come previsto nell’accordo sottoscritto nel 2018, l’andamento di ripresa in relazione al piano di sviluppo rurale.

 

“Con rammarico”, si legge in una nota di Fai Cisl e Flai Cgil, “dobbiamo rilevare un deteriorarsi dei rapporti che ultimamente sembravano essersi incanalati su binari di corrette e proficue relazioni industriali. Infatti la Salpa ha deciso di sedersi al tavolo di confronto con grande riluttanza, solo dopo le insistenze e le pressioni sindacali e la mediazione decisiva dell’assessore.

 

A questo fatto, già di per sé negativo, si sono aggiunte risposte aziendali insoddisfacenti rispetto alle sollecitazioni del sindacato che contribuiscono ad alimentare i dubbi e le perplessità di Fai, Flai ed RSU sull’andamento del sito produttivo di Roseto, dubbi e perplessità che ci avevano indotto ad attivare il tavolo di monitoraggio in sede istituzionale, con l’auspicio di ottenere rassicurazioni che non sono giunte.

 

Di contro, permangono segnali preoccupanti sul fronte della quantità di lavoro e di occupazione, sull’organizzazione delle attività, sui rapporti con i fornitori, sulle manutenzioni degli impianti che vanno ad aggiungersi alla difficoltà di Salpa a rispettare in ogni loro parte gli accordi sindacali in essere. Per questi motivi abbiamo convenuto con le RSU di interrompere le trattative per il rinnovo del contratto aziendale e  di sospendere la disponibilità al lavoro domenicale fin quando l’azienda non rispetterà gli impegni sottoscritti con i lavoratori e si mostrerà più disponibile ad intrattenere relazioni sindacali positive”.