Roseto, emergenza maltempo. Sottopassi e campi allagati, preoccupa la piena del fiume Tordino NOSTRO SERVIZIO

Come se non bastasse l’emergenza coronavirus, ci si è messo anche il maltempo a peggiorare le cose. La pioggia caduta ininterrottamente per circa 48 ore ha causato enormi disagi. Allagati sottopassi, campi coltivati, letteralmente esplosi anche alcuni tratti di rete fognaria in diversi punti nel territorio comunale di Roseto.

Situazione più difficile a Cologna Spiaggia dove nella notte è saltata la pompa di sollevamento del sottopasso di via della Stazione che è stato completamente allagato e reso impraticabile per la presenza di quasi 2 metri e mezzo d’acqua su un’altezza complessiva della struttura di 2 metri e 90. Sul posto il mezzo con l’idrovora della squadra di operai del Comune che nella notte ha iniziato a pompare l’acqua scaricandola verso il mare.

Ma la situazione è rimasta però pressoché stabile per via del gran volume d’acqua proveniente dalle campagne circostanti e dalla zona collinare. Situazione preoccupante anche per quanto riguarda il fiume Tordino. Era dal mese di gennaio del 2017 che non si registrava una piena di simile portata.

Alle prime luci dell’alba era stato raggiunto il livello idrometrico di guardia con quasi tutte le arcate del ponte ferroviario sul Tordino attraversate dall’acqua, raggiungendo il sentiero a ridosso degli stessi argini. Fortunatamente nello scorso autunno furono eseguiti i lavori di pulizia dell’alveo e di riallineamento degli argini e di consolidamento in alcuni punti.

Altrimenti il fiume avrebbe potuto esondare soprattutto nella zona urbana di Piane Tordino. Spazzati via, purtroppo, i nidi delle anatre, soprattutto germani reali che si stavano preparando alla cova. Al porto di Giulianova è affondata invece una piccola imbarcazione da diporto.