-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Roseto, direttiva Bolkestein: operatori balneari sul piede di guerra. Corradetti: “Nostri investimenti in fumo” NOSTRA INTERVISTA

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 11 Novembre 2021 @ 13:35


Una vera e propria mazzata per le imprese che operano nel settore turistico, titolari di concessioni demaniali.

La direttiva Bolkestein, che il Governo italiano ha recepito sin dal 2006, a partire dal primo gennaio 2024 prevede che le concessioni tornino tutte in gara per nuove assegnazioni. 30mila imprese, il 70 per cento a conduzione familiare, rischiano di perdere tutto. Luigi Corradetti, dell’Associazione Balneari di Roseto, è preoccupato e individua anche forme di responsabilità.

Si teme l’arrivo delle multinazionali che potrebbero fare incetta di concessioni e creare un unico marchio.

La direttiva è chiara: mettere in concorrenza i concessionari, migliorare la qualità dei servizi, abbattimento dei costi per l’utente.

Ma l’arrivo di multinazionali eviterebbe il sistema concorrenziale, non è certo un aumento della qualità dei servizi e si rischia invece di ottenere un costo maggiore per il fruitore.
Tante imprese locali in questi anni hanno operato degli investimenti. Ma che fine faranno?

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate