Roseto, approvato il progetto definitivo della pista ciclopedonale di Santa Lucia

Roseto Il sindaco Sabatino Di Girolamo e l’assessore ai Lavori Pubblici Simone Tacchetti informano che è stato approvato in Giunta il progetto definitivo della pista ciclopedonale di collegamento delle due chiese di Santa Lucia.

In particolare, spiega il sindaco, il tracciato collegherà via Melchiorre Delfico (che conduce alla vecchia chiesa) con via De Titta (che è il viale dove è situata la nuova chiesa) interessando una fa-scia di terreno di proprietà della Ruzzo Reti che ha rilasciato il permesso.

“Il progetto – spiega l’assessore Tacchetti – serve a realizzare un percorso alternativo a quello carrabile della Ss150 chiaramente pericoloso. Sarà un tracciato caratterizzato dal verde, dalla natura e dall’assenza di inquinamento da polveri sottili poiché immerso in un’area rurale. Il tracciato è lungo 325 metri e largo 5 metri. Sarà composto da una pista ciclabile su una corsia riservata a doppio senso di marcia di 3 metri di larghezza, affiancato da un percorso pedonale a doppio senso di 2 metri con cordolatura perimetrale e pubblica illuminazione. Il costo complessivo dell’opera ammonta a 150 mila euro che saranno coperti da un mutuo concesso da Cassa depositi e prestiti. Adesso dovremo affidare la redazione del progetto esecutivo e la direzione lavori. Una volta pubblicata la gara – conclude Tacchetti – l’avvio dei lavori è previsto in autunno inoltrato. L’obiettivo è quello di riconsegnare l’opera in primavera”.

“Si tratta di un importante segnale di attenzione per la frazione di Santa Lucia – dichiara il sindaco – che si unisce al grande progetto di regimentazione della acque piovane in via di progettazione e già finanziato con i fondi del dissesto idrogeologico e che si aggiunge ancora alla sistemazione del campo da calcio dell’importante frazione. Inoltre quest’opera pone fine all’isolamento delle due chiese e consente ai residenti della zona adiacente a via Melchiorre Delfico di raggiungere in sicurezza la nuova chiesa e i quartieri di Pagliare di Morro d’Oro”.