Provincia di Teramo, firmata intesa tra sette Comuni della costa

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 18 Dicembre 2019 @ 13:48

Teramo. Un’associazione temporanea di scopo fra i sette Comuni della costa teramana. Ieri pomeriggio, in Provincia, è stato sottoscritto il protocollo d’intesa che prevede la costituzione di un partnerariato ufficiale per favorire la partecipazione in forma congiunta ai bandi di finanziamento dei programmi europei, nazionali e regionali.

L’Associazione Temporanea di Scopo si avvale della Provincia per svolgere un ruolo “di collaborazione sulla pianificazione di area vasta e di coordinamento delle azioni progettuali” che in azioni che questo caso attengono a:

– potenziamento della resilienza ecologica del sistema costiero attraverso la realizzazione di un capillare sistema di infrastrutture verdi e blu;

– prevenzione e gestione dei rischi e della fragilità del territorio;

– contrasto ai fenomeni di “sprawl” urbano;

– aumento della qualità climatica degli spazi urbani;

– passaggio ad un’economia a bassa emissione di carbonio;

– promozione di un sistema di trasporto sostenibile

“Gli interessi della comunità prevalgono su ogni colore politico ed è bello, oggi, vedere le amministrazioni mettersi insieme per strutturare obiettivi che nessun Comune, da solo, può raggiungere. Parliamo di problemi complessi; dall’erosione della costa, alla mobilità sostenibile, passando per azioni di rafforzamento dei servizi turistici – ha affermato il presidente Diego Di Bonaventura – azioni che ora possono trasformarsi in progetti. Con il raggrumento di Comuni si aumenta notevolmente la possibilità di essere finanziati”.

Alla firma erano presenti i Sindaci dei Comuni costieri, il consigliere delegato all’Urbanistica e alla pianificazione territoriale, Lanfranco Cardinale e il servizio Urbanistico della Provincia che sosterrà il percorso di progettazione.

“E’ una iniziativa – ha detto il sindaco di Silvi Andrea Scordella – che ha, nei due aspetti decisamente positivi della proposta, una forza e una valenza che meritano la massima considerazione da parte delle nostre amministrazioni comunali. La gestione amministrativa in associazione tra enti locali, pur essendo la forma più apprezzata dalle istituzioni regionali, nazionali ed europee per l’assegnazione di finanziamenti su progetti di ampio respiro che interessino un consistente numero di abitanti e, nel nostro caso, anche di turisti, non ha trovato ancora una apprezzabile attuazione per diverse ragioni, tra le quali il campanilismo ha sempre avuto un ruolo non indifferente. Oggi più che mai – ha aggiunto Scordella – è di attualità detto che il bisogno aguzza l’ingegno. Ci troviamo in un tempo in cui di risorse in giro non se ne vedono tante, sicché intercettare quelle poche che si presentano é diventata una necessità, se si vuole realizzare qualcosa di concreto per i nostri territori. Sono convinto che se riusciremo a far diventare realtà il progetto “Città della costa” le nostre località ne trarranno sicuri benefici. In tal senso al tavolo della Provincia abbiamo dato tutti la piena disponibilità per concretizzare la istituzione dell’associazione temporanea di Comuni”.