Pineto, si ferma con la macchina davanti all’hotel: aggredito verbalmente per un parcheggio

Pineto. Attaccato verbalmente, davanti a cittadini e turisti, per un parcheggio nel posto “sbagliato”: questo è quanto raccontato da Fabio Ranalli, vice segretario dei Giovani Democratici di Teramo. Una brutta esperienza vissuta qualche sera fa di fronte ad un noto hotel del centro città.

“Capisco di aver potuto sbagliare sostando la mia auto di fronte alla struttura, ma sono convinto che esistono modi e modi per dire le cose”, così il giovane pinetese, mortificato dal comportamento che l’uomo avrebbe avuto nei suoi confronti. “Avrei voluto denunciare la cosa ma ho preferito lasciar passare, nonostante mi sia sentito molto umiliato da un adulto che, invece di inveire contro di me, avrebbe potuto chiedermi gentilmente di spostare la macchina”.

 

La replica. Il titolare dell’Hotel in questione ha diffuso una nota per replicare alle affermazioni giudicate “non veritiere”.
Il signor Fabio Ranalli ha posteggiato la sua autovettura su un parcheggio privato esclusivo degli ospiti dell’Hotel dalle ore 15 del pomeriggio per poi riprenderlo alla ore 20,30 nella giornata di domenica e non una semplice fermata. Il sottoscritto vedendolo arrivare per riprendere la sua autovettura gli ha semplicemente detto che essendo un parcheggio privato lì la sua auto non era autorizzata al parcheggio ed alla presenza soltanto del sottoscritto ed il Sig. Fabio Ranalli e nessun altro come lui dicea lla presenza di cittadini e turisti, eravamo solo io e lui e senza minacce ho semplicemente detto che la prossima volta avrei chiamato il carro attrezzi.

La proprietà privata è sacra ed inviolabile e senza autorizzazione non poteva parcheggiare e quantomeno, conoscendolo, avrebbe potuto chiedere il permesso al sottoscritto, visto che c’erano dei cartelli di divieto.
Mi sarei semplicemente aspettato delle scuse e nient’altro”.