Medio-Vomano, le proteste dei viaggiatori TUA

Riceviamo e pubblichiamo la lettera a firma di una viaggiatrice della TUA, a suo dire in rappresentanza di altri viaggiatori nella stessa situazione, in merito ai trasporti.

“La Regione, ha fornito alla TUA finanziamenti per incrementare le corse, non per rivoluzionare quelle attive e funzionanti sul territorio. Si sottolineano alcuni esempi: un passeggero di Poggio delle Rose, frazione del Comune di Cermignano, se volesse ripartire da Teramo alle 12:40, non troverebbe nessun mezzo di trasporto per raggiungere la destinazione; studenti che viaggiano da Roseto, con l’uscita scolastica prevista alle 15:00 per tornare a Scorrano (fraz.ne di Cellino)-Cermignano–Penna Sant’Andrea non trovano nessun collegamento ed i genitori sono costretti ad andare,  alle ore 16:00, a Cellino per riprenderli; per non parlare della corsa che da Teramo parte alle 18:00 per Cermignano – Cellino – Scorrano, che effettua un percorso assurdo; dal bivio di Bisenti il viaggiatore è costretto ad andare a Poggio delle Rose, percorrendo mezz’ora in più del consueto tragitto, su strade terrificanti, oppure scendere al bivio per poi muoversi con un mezzo privato. In pratica un percorso di 20 Km dura la bellezza di un’ora e mezza, si arriverebbe tranquillamente prima a L’Aquila. Pertanto, a nome di tutti i viaggiatori delle suddette corse, chiedo che le istituzioni coinvolte in queste decisioni, ovvero gli amministratori locali di Cellino, Cermignano, Penna Sant’Andrea, i consiglieri regionali e soprattutto i responsabili della TUA rivedano la gestione delle corse e provvedano al ripristino delle stesse, poiché la Regione ha chiesto di aumentare gli autobus, non di causare disservizi e malcontento tra i viaggiatori, in alcuni casi costretti a ricorrere ai propri mezzi di trasporto per raggiungere il proprio domicilio”.

Lettera firmata