Martinsicuro, in manette il ladro seriale che assaltava i distributori automatici

Martinsicuro. I carabinieri lo hanno bloccato subito dopo aver messo a segno l’ennesimo colpo in una lavanderia a gettoni di Martinsicuro. In mano aveva ancora il piccone, che usava per scardinare distributori automatici di caffè, snack e prodotti similari.

 

La scorsa notte i carabinieri della stazione di Martinsicuro (che al pari dei colleghi della compagnia di Alba Adriatica avevano intensificato i controlli per il ripetersi di spaccate di questa natura), hanno arrestato Valentino Mascella, 35 anni. L’uomo, residente a Martinsicuro, aveva da poco forzato l’ingresso di una lavanderia self-service della cittadina truentina, per poi scassinare i distributori automatici presenti nell’esercizio commerciale.
Come spesso in questi casi, il danno è stato maggiore del guadagno, in quanto la ditta fornitrice, poco prima, aveva prelevato le monete, per cui erano rimasti pochi spiccioli all’interno delle cassettine di sicurezza. Mascella, che deve rispondere di furto aggravato, è stato rinchiuso nella camera di sicurezza della caserma di Alba Adriatica, in attesa del processo con rito direttissimo previsto per le prossime ore.

 

Lo stesso 35enne, nella giornata di ieri, era stato denunciato dai carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Alba Adriatica e della stazione di Nereto per ricettazione e tentato furto. L’uomo, infatti, aveva cercato di introdursi nel bar di un’area di servizio a Sant’Omero, viaggiando a bordo di una vettura risultata poi rubata a Tortoreto. Il tentativo di spaccata, però, era stato abortito dalle urla di un vicino di casa, che si era accorto di quello che stava accadendo ed aveva messo in fuga il ladro solitario.

 

L’autovettura (una Atos) è stata poi recuperata a Nereto e restituita al proprietario. Sono in corso da parte dei carabinieri della compagnia di Alba Adriatica ulteriori indagini per collegare (modus operandi, tempistiche) all’uomo i furti avvenuti nei giorni scorsi ai distributori automatici installati in alcuni istituti scolastici di Alba Adriatica e Tortoreto che, infatti, presentato sugli infissi i segni evidenti di picconate. Inoltre, sono al vaglio degli investigatori le immagini delle telecamere di sicurezza dei Comuni.

 

Aggiornamento. L’arresto dell’uomo è stato convalidato: lo stesso è stato rimesso in libertà con l’obbligo di firma alla stazione dei carabinieri di Martinsicuro.