Il mondo del ciclismo piange Albino Di Matteo: il fondatore del Pedale Santegidiese

Sant’Egidio alla Vibrata. Il mondo del ciclismo “piange” uno degli interpreti più passionali.

 

Dirigente storico, organizzatore di gare ciclistiche e scopritore di talenti delle due ruote, che poi “portava” sulla strade di mezza Italia. Nelle ultime ore, all’ospedale Mazzoni di Ascoli, dove era ricoverato per covid, è scomparso Albino Di Matteo, 61 anni, uno dei più conosciuti dirigenti del ciclismo giovanile.

 

Viveva a Maltignano, nel lembo di territorio tra Marche e Abruzzo, Albino Di Matteo, ma aveva fondato la società Pedale Santegidiese e nel corso degli anni aveva organizzato tante corse in Val Vibrata.

 

Di rilievo la sua intramontabile passione per le due ruote che lo ha portato a dirigere il Pedale Santegidiese-Team Stipa Milano e l’aver scoperto talenti delle due ruote anche all’estero (lanciando nell’orbita dilettantistica gli argentini Yamil Tapia e Franco Orocito): Albino Di Matteo ha portato a far conoscere il territorio della Val Vibrata agli occhi del ciclismo nazionale con le tante edizioni del Trofeo Madonna dei Lumi a Civitella del Tronto e il Trofeo Città di Sant’Egidio alla Vibrata che è riuscito a mettere in cantiere quest’anno nel dopo lockdown per la categoria juniores come prova di campionato regionale FCI Abruzzo e campionato provinciale FCI Teramo.

 

Le esequie sono in programma oggi pomeriggio alle 14:30 presso la chiesa di San Giuseppe a Paolantonio di Sant’Egidio alla Vibrata, nel rispetto delle attuali normative anti Covid-19 che prevedono un numero strettamente limitato di presenze.

 

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.