Gemellaggio delle scuole: Valle Castellana ricambia la visita a Nereto

Nereto. ‘E sceso il sipario sulla festa per il gemellaggio tra due realtà scolastiche (Nereto e Valle Castellana) solo in apparenza distanti.

 

Un gemellaggio, all’insegna del motto “Non è un capriccio se nasco in un riccio”, che nella sostanza ha avvicinato anche due comunità.

Alla presenza del dirigente scolastico Laura D’Ambrosio, alunni e docenti di Valla Castellana hanno reso visita ai “colleghi” di Nereto, dopo l’incontro che si era tenuto nella cittadina montana il 21 e 22 ottobre scorsi.

La bella iniziativa è nata per suggellare e rinsaldare appunto l’amicizia tra le due scuole tra momenti ludici, visite, canti e assaggio di prelibatezze dei due territori. La scuola di Valle Castellana ha presentato il suo prodotto di punta, la prelibata castagna, mentre la scuola di Nereto ha puntato sulla bontà del tacchino alla neretese: un matrimonio di gusto e di bontà molto apprezzato dai piccoli commensali che hanno potuto mangiare sia i prodotti della castagna che la tenera carne del tacchino.

 

Il progetto ha visto coinvolti docenti e alunni delle rispettive Scuole dell’Infanzia e Scuola Primaria che hanno trascorso due giorni insieme in allegria e conoscendosi a vicenda. L’intento di unire, oltre agli istituti scolastici, anche le due comunità è stato confermato dalla presenza del Sindaco di Nereto che ha così voluto testimoniare l’importanza dell’iniziativa. Tutti i protagonisti si sono lasciati promettendo lunga vita al gemellaggio e la realizzazione di altre iniziative di questo tipo.