Crac società edile che operava anche in Abruzzo: scatta il sequestro di immobili

Dopo l’indagine sulla bancarotta di un’azienda edile ascolana, avviata nel 2018, derivante dall’operazione internazionale “Nemesi” con la quale sono stati recuperati beni per 70 milioni di euro, la Guardia di Finanza di Ascoli Piceno ha eseguito il blitz “Real Estate” sequestrando unità abitative nell’Ascolano (e relative pertinenze) acquistate con disponibilità che si ritengono derivanti dalla distrazione di 322.000 euro dalla società fallita.

 

In precedenza gli investigatori, che hanno eseguito un provvedimento di sequestro emesso dal gip di Ascoli, avevano denunciato a piede libero alla Procura per bancarotta tre amministratori dell’azienda e tre componenti del collegio sindacale.

Gli amministratori e soci sono indagati per distrazioni e dissipazioni di oltre 8 milioni di euro e di un abusivo ricorso al credito per 10 milioni di euro. I militari avevano monitorato una società ammessa al concordato preventivo e poi dichiarata fallita dal Tribunale di Ascoli per un aggravamento del dissesto da un deficit di 709mila a 4,5 milioni di euro del 2015. La società, per la Gdf, fungeva da “punto operativo” di una serie di altre imprese dello stesso settore operanti tra Marche, Abruzzo e Toscana, facenti capo ai tre imprenditori (amministratore e soci) della fallita. Sono sette le imprese in forte crisi economico-finanziaria dopo il default della principale ‘società operativa’ fallita, società “correlate” finite nel cerchio delle indagini.

Tra le ipotesi contestate, messe in atto quando la società versava già in evidente crisi, l’omessa contabilizzazione di rilevanti poste di bilancio, l’iscrizione di poste attive inesistenti, cospicui finanziamenti a parti correlate senza garanzie e senza attivarsi per la restituzione, prestazione di garanzie per terzi.

 

Tutto ciò sarebbe servito per nascondere la reale consistenza patrimoniale e finanziaria societaria in sette annualità (2008-2014), proseguendo l’attività senza i requisiti di legge. Due immobili sarebbero stati ceduti ai figli di uno degli indagati.

 

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.