Civitella del Tronto, tamponi agli operatori e presidio fisso delle forze dell’ordine nel centro che ospita i migranti

Teramo. Tamponi al personale impiegato nel centro di accoglienza di Rocche di Civitella del Tronto e presidio fisso da parte della forze di polizia.

 

Sono le principali decisioni adottate nel pomeriggio di oggi nel corso della riunione del comitato di ordine pubblico e sicurezza convocato dal prefetto Angelo De Prisco. Riunione urgente anche alla luce delle questioni legate alla positività al Covid per 24 dei 50 ospiti accolti nella struttura.

Al vertice in collegamento Skype, erano presenti oltre alle forze di polizia, il presidente della Provincia di Teramo, i sindaci di Teramo e Civitella del Tronto, il referente regionale del servizio di emergenza, il direttore generale della Asl di Teramo e il referente che gestisce il Cas di Civitella.

La situazione. Nella struttura sono stati attivati i protocolli previsti mentre i migranti risultati positivi, tutti asintomatici, sono stati isolati in regime di quarantena. Nelle giornata di domani, come detto, saranno sottoposti a tampone tutti gli operatori impegnati nelle struttura. La struttura di Rocche sarà ora presidiata h24, mentre la Regione su richiesta della prefettura ha messo a disposizione degli operatori delle forze dell’ordine i dispositivi di protezione individuale, una tenda e un bagno chimico.

 

La riunione di oggi – ha dichiarato il Prefetto – ha fatto emergere tra tutte le Istituzioni interessate un’ampia condivisa disponibilità ad affrontare con decisione e responsabilità le azioni necessarie per mantenere in sicurezza la struttura di accoglienza. Civitella del Tronto è una splendida realtà culturale del nostro Paese, non solo della provincia di Teramo, un punto di riferimento del turismo di qualità. La sicurezza dei cittadini e dei tanti innamorati d’arte che la frequenteranno in questo periodo di vacanza, rappresenta un obiettivo prioritario.”