Area Marina Protetta del Cerrano, rischio incendi. Divieto di accendere fuochi in pineta e lanterne cinesi

In vista delle imminenti serate di Ferragosto, l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano lancia un appello ai cittadini, perché siano rispettosi delle regole, e chiede agli stessi ma anche agli operatori, gestori di stabilimenti balneari, hotel e punti vendita con affaccio verso il mare, di segnalare prontamente e preventivamente alle forze dell’ordine qualunque azione di scavo di buche o di trasporto di materiali che preludano alla organizzazione di attività serali con accensione di fuochi all’interno dell’Area marina protetta.

Nei giorni scorsi, nella sede dell’AMP, si è svolta la riunione di coordinamento per gli eventi che si susseguiranno lungo la costa in questo fine settimana. L’AMP si è coordinata come ogni anno con i Comuni di Pineto e Silvi, affinché le Polizie Locali, con il supporto di altre forze dell’ordine, in particolare la Capitaneria di Porto, e con l’aiuto delle associazioni di Protezione Civile, siano presenti lungo le pinete e le spiagge che ricadono all’interno della zona protetta.

La pericolosità delle fiamme in prossimità delle pinete in questo periodo è enorme. Il divieto di accensione fuochi in spiaggia va rispettato rigorosamente ed in ogni dove. L’uso di qualunque forma di fuoco pirotecnico artigianale o il lancio di “lanterne cinesi” è severamente vietato. La moderazione del volume di eventuali apparecchi sonori e soprattutto la pulizia dei luoghi utilizzati è il secondo fattore di estrema rilevanza. Il lavoro svolto in questi anni dall’AMP per scongiurare il pericolo incendi è stato enorme.

La redazione del Piano Antincendio Boschivo e il Programma di Intervento in Emergenza delle pinete dell’AMP e, soprattutto, con le periodiche esercitazioni svolte in pineta, che hanno visto coinvolti Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Pros Onlus Pineto, oltre a tutte le altre forze dell’Ordine sono una garanzia.

“Si può stare certi che ciascuno sa interpretare il proprio ruolo in caso di necessità”, ha sottolineato il presidente dell’Amp Leone Cantarini, “Il rischio è però sempre elevato in giornate calde come quelle estive e la speranza di tutti è sempre quella di non dover mai ricorrere a questi strumenti. Confidiamo quindi nel buon senso dei cittadini”.