Alcol ai minorenni e controlli alla movida: stretta dei carabinieri sull’intera provincia di Teramo

Teramo. Stretta sulla movida notturna e sulla somministrazione di alcol ai minorenni.

 

La scorsa notte il comando provinciale dei carabinieri ha effettuato una serie di controlli dedicati per la gestione della cosiddetta movida con la collaborazione delle compagnie di Teramo, Alba Adriatica e Giulianova. Verifiche che hanno riguardato l’intera costa teramana, ma anche le località dell’entroterra.

Due le direttrici principali: la verifica nei locali del rispetto del distanziamento sociale e la questione della vendita di alcol a minorenni che popolano, nell’estate 2020, diverse località della riviera.

I numeri. Gli oltre 50 carabinieri impegnati, hanno controllato 25 locali, 115 automezzi e 322 persone; effettuate 10 perquisizioni mentre per quanto concerne la circolazione stradale, sono state elevate 11 sanzioni con il ritiro di 2 patenti di guida e di una carta di circolazione.

Le verifiche. Durante i controlli agli esercizi pubblici non sono state riscontrate violazioni delle norme di contenimento del contagio, ma i Carabinieri della Compagnia di Giulianova hanno denunciato il gestore di un bar per aver somministrato alcol ad un minorenne sotto ai 16 anni e sanzionato amministrativamente il titolare di un locale di intrattenimento per avere servito birra a quattro minori. Gli stessi militari hanno inoltre denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti un uomo sorpreso, a Pineto, di 60 grammi di marijuana.

Per quanto concerne la circolazione stradale, i carabinieri di Giulianova hanno sequestrato due grimaldelli mentre i colleghi di Alba Adriatica un coltello di genere proibito (entrambi sono stati denunciati).

Ad Alba Adriatica, infine, i militari hanno sequestrato 4 grammi di marijuana ad un giovane che è stato segnalato alla prefettura. Complessivamente, sono state 9 le persone denunciate.

Nell’evidenziare l’efficacia dei servizi svolti dalle compagnie dei carabinieri sul territorio, sin dall’inizio dell’emergenza, il colonnello Emanuele Pipola, comandante provinciale, ricorda che l’Arma proseguirà con analoghi controlli in tutta la circoscrizione di competenza a tutela della sicurezza e della salute dei cittadini.