Alba Adriatica, non vuole indossare la mascherina: scatena il parapiglia nel bar della stazione

Alba Adriatica. Scatena un parapiglia dentro al bar perché reagisce in maniera scomposta prima, e violenta poi, di fronte all’invito da parte di uno degli esercenti, di indossare la mascherina protettiva.

 

Il protagonista di un autentico fuoriprogramma, andato in scena sabato pomeriggio al bar della stazione di Alba Adriatica, è stato un cittadino extracomunitario che a fatica è stato riportato a più miti consigli prima di essere prelevato dai carabinieri e poi accompagnato in caserma. Il giovane nordafricano, con precedenti, ha reagito in malo modo all’invito del barista di indossare la mascherina all’interno del locale, per il rischio di essere multato per non aver fatto rispettare le misure protettive.

 

Il clima è scaldato e il giovane ha dapprima afferrato e gettato a terra il cellulare con il quale l’esercente stava contattando i carabinieri. Ma poi la situazione è degenerata, perché il giovane ha scatenato la sua collera contro alcune suppellettili del locale. Nel frattempo sul posto sono arrivati anche i due titolari dell’attività che hanno portato fuori l’extracomunitario, che non si è calmato subito, visto che ha anche danneggiato lo scooter di uno dei due: che è stato scaraventato a terra.

 

La situazione è poi tornata, a fatica, alla normalità, è il nordafricano è stato accompagnato in caserma, dove è stato identificato. Ma in mancanza di provvedimenti da parte delle autorità (anche in ordine alla sua eventuale collocazione), è stato poi rilasciato e ovviamente, in tarda serata, è tornato a gravitare nella zona della stazione. E’ ovvio che l’episodio torna a riproporre il tema di una serie di frequentazioni che animano l’area a ridosso della stazione ferroviaria.