Tortoreto, albanese ferito con un colpo di pistola: si stringe il cerchio attorno alla banda

Tortoreto. Sulle tracce di chi, mercoledì notte, ha dato vita ad una sorta di spedizione punitiva, sul lungomare di Tortoreto. Conclusa con il ferimento, con un colpo di pistola alla gamba, di un giovane albanese.

 

Sono ore febbrili di attività da parte dei carabinieri della compagnia di Alba Adriatica, diretti dal tenente colonnello Emanuele Mazzotta, per far luce in maniera definitiva sul preoccupante episodio accaduto all’interno di uno chalet della riviera. Il giovane ferito (regolare in Italia, richiedente asilo politico e residente ad Alba Adriatica), in maniera un grave, visto che il proiettile è entrato ed uscito, con causando danni di sorta, è stato ascoltato dagli inquirenti per capire quale sia stata la ragione di un episodio che assomiglia molto ad un regolamento di conti.

 

O di un avvertimento vero e proprio. In ogni caso, non va sottaciuto l’atteggiamento temerario di chi non ha avuto remore di sparare all’interno di un locale, ancora molto frequentato. Dalle indiscrezioni che circolano, in ogni caso, pare che la gang di albanesi vive nella zona e nelle prossime ore il cerchio potrebbe chiudersi in maniera definitiva. Anche perché i militari oltre a visionare le immagini a circuito chiuso del locale, hanno ascoltato diverse persone. E’ ipotizzabile che l’accusa nei confronti degli uomini in fuga (almeno per chi ha materialmente sparato) possa essere quella di lesioni gravi e non tentato omicidio.