Giulianova, riapre la piscina comunale

Giulianova. Martedì 22 settembre riaprirà al pubblico la piscina comunale nel rispetto delle di alcune prescrizioni.

Lo ha annunciato sui social il consigliere delegato allo sport, Livio Persiani, spiegando “i frequentatori devono rispettare rigorosamente le indicazioni impartite dagli istruttori e assistenti ai bagnanti; verrà rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore al 37,5; l’ingresso sarà consentito agli utenti muniti di autocertificazione, scaricabile sul portale web del Comune di Giulianova e disponibile all’ingresso della struttura sportiva”.

Non sarà consentito l’accesso del pubblico alle tribune e lo svolgimento di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti. Verrà redatto un programma delle attività il più possibile pianificato in modo da dissuadere eventuali condizioni di aggregazioni e da regolamentare i flussi degli spazi di attesa e nelle varie aree per favorire il rispetto del distanziamento sociale di almeno 1 metro. L’accesso agli impianti per il nuoto libero è consentito tramite prenotazione al seguente numero 0858021271, la mattina dal martedì al sabato, dalle ore 8.30 alle 13.15 e la domenica dalle 8,30 alle 12:00. Nel pomeriggio, dal lunedì al sabato, dalle ore 14.00 alle 20.00, si svolgeranno le attività agonistiche, scuola nuoto e quelle dedicate alle persone diversamente abili.

“L’elenco delle presenze verrà mantenuto per un periodo di 14 giorni; nelle aree spogliatoi e docce gli utenti dovranno mantenere la distanza di almeno 1 metro; tutti gli indumenti e oggetti personali siano riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti; non è consentito l’uso promiscuo degli armadietti; la densità di affollamento in vasca è pari a 10 utenti uomini e 10 utenti donne per ogni fascia oraria
dovrà essere garantito il distanziamento sociale di almeno 1,5m tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi; è obbligatorio l’uso della cuffia; è vietato sputare, soffiarsi il naso, urinare in acqua”, conclude Persiani.