Teramo, l’Ordine degli architetti presenta il Fondo di edilizia scolastica

Si chiama #fondAzioneScuola l’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione che, tramite un protocollo di intesa con la Fondazione Inarcassa, consente di stanziare 50 mila euro alle amministrazioni locali per la progettazione di edifici scolastici nuovi o per i lavori di adeguamento.

A pubblicizzare il fondo di garanzia è l‘Ordine degli Architetti di Teramo che, proprio per fornire un supporto ai Comuni interessati dal sisma, ritiene doveroso informare su un’opportunità concreta che può essere utilizzata dalle amministrazioni più bisognose in tema di sicurezza delle scuole.

Il Fondo, con un plafond di 2 milioni di euro, consentirà di anticipare le spese per la progettazione di almeno 40 interventi (due per ogni regione), con una richiesta massima di 50 mila euro a Comune. L’obiettivo, infatti, è di aiutare gli enti locali a fare in modo che la mancanza temporanea di risorse non sia la causa di uno stop delle progettazioni e consentire anche ai professionisti di poter lavorare. Poi, quando il Comune avrà la disponibilità economica li restituirà al Fondo.

La precedenza sarà data alle richieste di progettazione di interventi finalizzati alla sicurezza, in particolare sismica, sia nella realizzazione di nuovi edifici che nell’adeguamento di quelli esistenti.

Le condizioni per l’accesso al Fondo sono la garanzia di un equo compenso, senza fare una gara al massimo ribasso e l’affidamento degli incarichi solo a professionisti iscritti a Inarcassa e in regola con il versamento dei contributi.

Il fondo rotativo sarà accessibile non appena sarà resa disponibile la necessaria modulistica per istruire le domande e dopo aver completato la “piattaforma” tecnica con il partner bancario selezionato per erogare i fondi, ovvero la Banca popolare di Sondrio.