-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Campli, la razzie nei distribuori automatici: la lettera dell’imprenditore

Ultimo Aggiornamento: domenica, 14 Gennaio 2018 @ 5:34

Una lettera aperta. Una richiesta d’aiuto di chi, quotidianamente, è costretto a fare i conti con i furti nei disbributori automatici.

 

Uno dei bersagli preferiti dei malintezionati alla ricerca di contanti. Bruno Cardelli, titolare di un’azienda di Campli che opera nel settore dei distributori automatici, parla a ruota libera. Lo fa con una nota nella quale racconta la situazione, al limite del paradosso, che vive con la sua attività.

La lettera

 

Ormai da anni, insieme ad altri colleghi, sono nel mirino di più malviventi che forzano i distributori automatici sparsi nel territorio teramano, saccheggiandone il contenuto in monete.

 

Ogni furto che subisco significa per la mia azienda un danno monetario che si aggira tra i 500 ed i 2000 euro, tra manomissione delle macchine distributrici ed incassi. Da due anni a questa parte ho subito decine e decine di furti, molte macchine distributrici sono andate distrutte. Ogni anno il danno supera i 50 mila euro. Alcune macchine, essendo state trovate senza soldi all’interno, sono state sfregiate e rese inutilizzabili scaricandogli addosso un estintore. Ho sporto decine di denunce, senza che però nulla sia sia davvero mosso.

La mia azienda sta perdendo giornalmente capitali e sta riportando ingenti danni anche alle macchine distributrici.

 

Gli ultimi furti non li ho denunciati, visto che non c’è modo di fermare quei malviventi temo che dovrò farmi giustizia da solo, o assoldare qualche altro malvivente a tutela della mie macchine distributrici.

Probabilmente sarò costretto anche a licenziare del personale visto che l’unico consiglio che ho ricevuto da alcune autorità è stato quello togliere le macchine dai posti “più a rischio” per risolvere il problema in modo definitivo. La situazione è ormai divenuta paradossale.

Questa è la mia richiesta di aiuto, mi auguro che la mia protesta, resa pubblica dalla disperazione e dall’ingente numero di furti subiti e non risolti, balzi all’attenzione di qualcuno che possa aiutare me e l’azienda ad avere finalmente giustizia ed evitare l’inevitabile.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate