-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Futuro della Teramo Ambiente. Brucchi: “Remiamo tutti dalla stessa parte”

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 30 Ottobre 2017 @ 8:19

Un incontro positivo, quello svolto questa mattina in Prefettura tra i rappresentanti sindacali provinciali, il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, e il Perefetto, Valetr Crudo, per discutere delle problematiche del personale della Team.

All’ordine del giorno, oltre ai contestati inquadramenti contrattuali di alcuni dipendenti, c’è stata, in particolare, la nuova organizzazione del lavoro aziendale che ha visto negli ultimi giorni modificare l’orario di raccolta da parte degli operatori che avviene non più di notte ma di giorno.

“Anche se la scelta di lavorare di giorno” ha detto il segretario provinciale Funzione Pubblica della Cgil Amedeo Marcattili a nome della Cgil, Cisl e Fiadel, “è stata presa in maniera unilaterale dall’azienda, vogliamo essere propositivi e abbiamo chiesto di organizzare per lunedì prossimo un incontro tra i vertici tecnici e le RSU, in modo da monitorare la situazione e valutare se fare eventualmente dei cambiamenti”.

Brucchi ha ribadito che l’obiettivo fondamentale è la riduzione del costo del porta a porta e dei costi fissi, insieme all’ottimizzazione del servizio. “Se questo comporta la variazione dell’orario, con l’avvio del lavoro diurno, ben venga” ha detto il sindaco, “purchè si mantenga la raccolta sopra al 60%, così come ci impone la legge, e il servizio venga svolto nella maniera in cui il Comune lo affida alla Team. Stiamo vivendo un momento difficile ed è per questo che amministrazione comunale, azienda, lavoratori e sindacati siano tutti dalla stessa parte”.
Per i sindacati è positivo l’obiettivo del sindaco di abbassare i costi per i cittadini ma, come ha ribadito Marcattili, “si cominci dall’alto e non dalla base”. Per il sindacalista, infatti, è necessario, nell’ottica di una riorganizzazione interna, capire bene cosa si intende per “riduzione dei costi”, magari partendo proprio dal taglio delle consulenze esterne se in azienda sono già presenti le figure professionali necessarie.

“Siamo in stand-by”, conclude Marcattili, “aspettiamo le decisioni dell’azienda e ribadiamo la nostra disponibilità a discutere insieme affinché si possa raggiungere la soluzione migliore per la Teramo Ambiente e i suoi lavoratori”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate