Rigopiano: “Le macerie dell’hotel mai rimosse: rischio inquinamento”

Ultimo Aggiornamento: martedì, 2 Aprile 2019 @ 12:34

Rigopiano. “I segni della tragedia dell’Hotel Rigopiano sono ancora perfettamente visibili e, oltre al dolore che riaffiora ogni volta passando su quella strada, c’è un fattore di sicurezza per l’ambiente e le persone che non può essere ignorato”.

Per questo – come spiega in una nota – il Vice Presidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari  chiede al Presidente Marsilio e al Presidente della Provincia di “intervenire immediatamente”. Pettinari nei giorni scorsi è tornato a visitare i cittadini delle dell’area vestina passando anche per Farindola. “La strada che costeggia quello che era il Resort Rigopiano – riferisce – non è stata ancora messa in sicurezza, nonostante siano passati ormai due anni dalla tragedia: manca il guardrail, sulla strada ci sono ancora numerose buche create dai massi scesi giù dalla montagna, alcuni detriti sono ancora ammassati sui lati delle carreggiate. I cumuli di macerie sull’area interessata, che dovevano essere portati nelle discariche, sono ancora lì; si tratta di migliaia di metri cubi di materiale probabilmente potenzialmente inquinante. I detriti sono anche finiti nell’area che sovrasta la cascata del Vitello D’Oro”.

“Alcuni cittadini, inoltre, mi hanno segnalato che anche a seguito del lavori per l’illuminazione pubblica pare che sia stata rotta una rete fognaria e che non sia stata messa a posto”, conclude Pettinari.

(in foto, le macerie dell’Hotel Rigopiano nel primo anniversario della tragedia)