-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara: “Paura e degrado nel Bronx di via Alpi” FOTO

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 7 Settembre 2018 @ 17:24

Pescara. “Via Ilaria Alpi: è questo il nuovo Bronx di Pescara completamente fuori controllo. Zero manutenzione, zero attenzione da parte dell’amministrazione comunale, parchi invivibili, con urla, schiamazzi e risse continue sotto i balconi delle abitazioni e un quartiere finito nelle mani di decine e decine di extracomunitari che hanno preso possesso di un fabbricato privato, completamente nel degrado”.

A riferire la voce dei residenti “stanchi dell’assenza dell’Istituzione Comune, più volte interpellata e mai intervenuta”, e che hanno annunciato la costituzione di un Comitato cittadino e la nomina di un legale per intraprendere ulteriori iniziative a difesa della propria incolumità e della qualità della vita nel quartiere, è il Capogruppo della Lega al Comune di Pescara Vincenzo D’Incecco che ha incontrato una delegazione di cittadini, verificando, con loro, la veridicità di quanto denunciato durante un tour nel rione.

Il racconto di D’Incecco non lesina giudizi da raccapriccio: “Quando si entra in quel quartiere si finisce in un altro mondo da brividi.  Al civico 23 di via Ilaria Alpi, si entra nel vero Bronx, un palazzo privato, in condizioni di assoluta fatiscenza, abitato da centinaia di extracomunitari che ormai dettano legge in un quartiere dove alle 17 scende il coprifuoco e nessuno osa mettere il naso fuori dalla porta o dalla finestra di casa. Dalle scarse informazioni che i residenti sono riusciti a reperire, si sa solo che il palazzo ha un proprietario privato che nessuno vede da mesi. Qualcuno ha azzardato l’ipotesi che sul fabbricato gravi una pendenza di natura giudiziaria, ipotesi non confermata. Fatto sta che diversi appartamenti sono abitati da oltre una decina di extracomunitari letteralmente accampati in ogni angolo. I balconi sono divenuti impraticabili, con dentro ammucchiati bidoni per raccogliere l’acqua piovana, sedie e rifiuti di plastica di ogni tipo”.

“All’interno degli appartamenti”, prosegue D’Incecco, “sembra che vengono utilizzate bombole del gas, forse per sopperire a qualche fornitura tagliata, e già tre anni fa ci fu un drammatico incidente, con una bombola esplosa dentro l’ascensore in mano a un extracomunitario gravemente ferito, ma salvo. Gli stessi residenti hanno raccontato, oltre che già denunciato più volte al Comune e alle Forze dell’Ordine, di aver assistito a scene inaccettabili: uomini che orinano all’aperto direttamente dai balconi, senza alcuna preoccupazione per l’eventuale presenza all’esterno di donne, anziani o bambini, e che, in condizioni di chiara ed  evidente alterazione alcolica, si riuniscono a decine sotto i palazzi di via Ilaria Alpi e via Sangro, o anche nella piazzetta del vicino supermercato, infastidendo i passanti e spesso scatenando risse tra loro, in poche parole seminando il terrore tra tutti coloro che oggi hanno la sventura di vivere nel quartiere”.

“Oggi sotto quello stesso palazzo”, aggiunge il leghista, “è stata aperta, al pianterreno, una sorta di chiesa cristiano coopta che è fonte di schiamazzi a ogni ora del giorno, mentre all’ultimo piano sarebbe stata allestita addirittura una moschea abusiva, anch’essa fonte di disturbi e rumori intollerabili. E questo senza neanche sapere se vengano rispettate le norme urbanistico-edilizie per l’apertura di luoghi di culto, di qualunque natura essi siano”.

“A questo punto”, annuncia D’Incecco, “la Lega al Comune di Pescara aprirà una ‘vertenza civile e amministrativa’ per l’adozione di una serie di azioni a supporto della battaglia che i residenti stanno intraprendendo per difendere se stessi e la propria incolumità. Cominceremo cercando notizie sulla proprietà dell’edificio perché, se è vero che si tratta di proprietà privata, è anche vero che chi ha eventualmente assegnato in affitto gli alloggi deve comunque preoccuparsi che quegli appartamenti non vengano utilizzati per fini illeciti, accertando, con l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza, se tutti gli occupanti siano titolari di regolari contratti di affitto; se sia legittimo o rappresenti piuttosto un pericolo l’utilizzo delle bombole del gas; se all’interno del palazzo vengano rispettate e garantite tutte le norme igieniche o se, piuttosto, si sia verificata una condizione di sovraffollamento che rappresenta un pericolo per la salute umana. Nel frattempo ricorderemo al sindaco Alessandrini che anche via Ilaria Alpi fa parte della città in cui è primo cittadino e che deve amministrare”.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate