Pescara, “Negozi del centro costretti a riaprire con in clochard”

Pescara. “Riapertura amara per centinaia di attività commerciali del centro di Pescara che da domani troveranno l’ennesima sorpresa ad attenderli: un esercito di clochard accampati giorno e notte davanti alle vetrine, privi peraltro di qualunque protezione individuale”.

A sollevare la problematica è  Presidente della Commissione Mobilità Armando Foschi, che polemizza: “Niente guanti, niente mascherine, solo i cartoni e coperte a terra, come al solito, per dormire e bivaccare. Sono infatti decine i senzatetto, italiani e non, che da giorni sono già tornati a ‘occupare’ i propri spazi in attesa di veder riaccendersi le vetrine e poter riprendere, anche loro, l’attività della questua. Una situazione che però, questa volta, non può passare in second’ordine non solo per una ragione di ordine pubblico, ma soprattutto per la tutela della salute dei lavoratori di quei negozi e degli utenti, perché l’emergenza Covid-19 è tutt’altro che finita”.

“Ovviamente porteremo la problematica all’attenzione dell’amministrazione comunale convocando in Commissione Sicurezza gli assessori preposti, Adelchi Sulpizio per l’ordine pubblico e Nicla Di Nisio per il sociale, e il Comandante della Polizia municipale Danilo Palestini per aprire un confronto con i titolari delle attività commerciali, stanchi di subire i rischi connessi a tali presenze”, conclude Foschi.