Pescara: “Il centro pieno di barriere architettoniche” FOTO

Pescara. “L’Amministrazione Masci faccia seguire i fatti alle promesse fatte in campagna elettorale sul fronte disabilità, perché a sei mesi dall’effettivo insediamento non c’è traccia di impegni presenti e futuri sull’argomento”: a sollevare la polemica, nella giornata internazionale per i diritti dei disabili, è la consigliera comunale Pd Stefania Catalano.

“Molte zone del centro risultano inaccessibili per persone con disabilità e non c’è alcun sentore di lavoro sul Piano di eliminazione delle barriere architettoniche per il prossimo anno malgrado Pescara non sia all’anno zero  – afferma la Catalano – Di questa volontà nulla arriva da Palazzo, ma soprattutto non si scorgono cenni di attenzione all’abbattimento delle barriere neanche nei cantieri dei lavori in corso, dove quelle che ci sono addirittura vengono riconfermate. E’ il caso di via Genova e via Catania, dove ci sono i vecchi pali dell’illuminazione posizionati a 72 cm dagli edifici e che divengono ostacoli per chi si muove in carrozzina. Qualche giorno fa la ditta Enel Sole che per Pescara Energia sta sostituendo gli impianti su tutta la città, evidentemente non avendo ricevuta alcuna indicazione a riguardo, ha installato i pali a led nello stesso posto dei precedenti, questo accade in barba alle precise e vincolanti norme tecniche previste per l’accessibilità degli spazi. Ma non tutto è perduto, perché persone sensibili alla tematica hanno chiesto agli addetti di fermarsi e così su via Genova è ancora possibile intervenire, prima che i lavori siano conclusi e dunque prima che i costi sociali e materiali del posizionamento errato diventino a carico dei cittadini”.

Al fine di decidere positivamente la consigliera chiede un sopralluogo delle Commissioni consiliari Lavori Pubblici, Politiche Sociali e Mobilità. “Bisogna attivarsi subito – aggiunge la Catalano – Nella speranza che si dia presto seguito alla programmazione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche e in considerazione degli interventi di manutenzione che sono in essere, è necessario sollecitare l’attuale amministrazione a muoversi in tal senso, iniziando con il controllare i lavori in corso, rendendo accessibili le opere, ove il progetto non lo preveda”.