-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Bussi: “Edison riprende la messa in sicurezza”

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 5 Dicembre 2019 @ 16:41

Bussi sul Tirino. Si è svolta stamane su uno dei siti della discarica di Bussi interessato dal capping per la messa in sicurezza, la conferenza stampa del gruppo regionale Pd a cui hanno preso parte il capogruppo Silvio Paolucci e il consigliere Antonio Blasioli, a cui ha partecipato anche  Pino De Dominicis, già presidente della Provincia di Pescara, oggi capogruppo di opposizione al Comune di Bussi.

“Abbiamo voluto vederci a Bussi per rivendicare un risultato: la dichiarata volontà di riprendere le attività di messa in sicurezza sul sito della discarica ferme dal 2018, manifestata da Edison e documentata in una lettera giunta ieri al Ministero e alle autorità – ha detto Blasioli – Il 25 novembre scorso dopo un sopralluogo abbiamo visto che la copertura del capping era smantellata su più punti, una situazione che abbiamo subito segnalato al Ministero dell’Ambiente, ai Carabinieri forestali, Arta, Edison, Solvay e Comune di Bussi, per chiedere notizie e ripristino dello stato del geotessile del capping e sul perché fosse in quelle condizioni e anche la rimessa in funzione del pompaggio a valle della discarica 2B che ci risultava fermo.  Le analisi del Soil gas che la nostra Arta ha eseguito su questi siti con Arpa Piemonte, dimostrano la presenza anche nell’aria, di naftalene sostanza tossica e con ogni probabilità, l’inquinamento atmosferico registrato deriva anche da questo stato di manutenzione, anche se va ancora accertato. Stessa cosa per la vasca di pompaggio a monte di questo luogo e a valle delle discariche 2 A e 2B, una sorta di barriera idraulica con la funzione di rappresentare la messa in sicurezza delle discariche che dovranno essere oggetto di bonifica. Non è più funzionante e che non viene più monitorata come era avvenuto fino al 2018, ma è una misura di emergenza essenziale seppur minima in attesa della definitiva bonifica”.

“Alla nostra missiva è seguita una pronta azione del Ministero e della polizia provinciale”, prosegue Blasioli, “e ieri la risposta di Edison, che è allo stato attuale la società individuata dalla Provincia come soggetto inquinatore, in attesa che si definisca il processo pendente al Consiglio di Stato. Edison, pur ribadendo come ha sempre fatto la propria estraneità alla vicenda e senza fare acquiescenza, ha chiesto al Ministero tutti gli elaborati di queste misure di emergenza per la sistemazione. In questa situazione di forte ritardo, che vede alcune misure di sicurezza mancare addirittura dal 2007, sono passati 12 anni, la nostra azione ha permesso di ripristinare la funzionalità di quelle già adottate e noi vogliamo condividere questa notizia con la comunità, ribadendo che continueremo a lavorare fuori e dentro la Commissione di inchiesta regionale per essere da pungolo, ma anche per rivendicare l’importanza del tema ambientale che almeno per questa vicenda, sembra non sollecitare l’orgoglio degli abruzzesi.”.

“Tutto questo l’indomani delle prime audizioni nella Commissione d’inchiesta su Bussi in Consiglio Regionale che hanno rivelato un quadro preoccupante sulla situazione ambientale del sito: “La Commissione d’inchiesta ben diretta da Legnini e con la partecipazione attenta di tutti i commissari, sta facendo un lavoro sui ritardi della bonifica ma ad oggi avanziamo qualche dubbio in più e a monte della bonifica, sulla mancata adozione cioè di misure di sicurezza delle discariche 2 A e 2 B e soprattutto sullo stato del misure di sicurezza di emergenza in questa zona”, conclude Blasioli.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate