Città Sant’Angelo: “100mila euro dallo Stato per accogliere gli immigrati”

Città Sant’Angelo. Un’assemblea pubblica, organizzata dal gruppo consiliare di Responsabilità Comune, per denunciare il “business dei centri d’accoglienza”.

“Centomila euro dallo Stato per aver ospitato immigrati sul territorio comunale, 500 euro a immigrato da utilizzare senza vincoli, piovono dal cielo proprio in periodo di quadratura di bilancio, probabilmente”, criticano i consiglieri Valloreo, Perazzetti e Travaglini, “un buon motivo per il nostro sindaco per non prendere pubblicamente e con fermezza una posizione di forte contrasto alla presenza di CAS sul territorio angolano”.
“Dal Centro Storico a Madonna della Pace, 140 immigrati, con un’amministrazione che si sfrega le mani per il regalo inaspettato, pensando solo all’integrazione, anziché a ripristinare la serenità della cittadinanza”, incalzano i tre dell’opposizione, “e questi 100mila uro, andranno anche per finanziare i progetti sugli immigrati ospiti delle Cooperative che vivono e lucrano sul business dell’accoglienza, finta accoglienza, considerando che in una struttura come Torre del Moro a fronte di una capienza all’origine di 43 posti, oggi sono ammassati oltre 100 ragazzi!
Questo lo scenario su cui si aprirà l’assemblea pubblica, in programma  giovedì 30 marzo alle ore 18:30 in sala consiliare, dal titolo ‘Centro accoglienza immigrati a Città Sant’Angelo”.
Tra gli invitati, il sindaco Gabriele Florindi e il presidente dell’Asp Dario 1 Recubini.