Tocca da Casauria, colonia marina: opposizione chiede di rimborsare le famiglie

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 17:05

Riziero_ZaccagniniTocco da Casauria. Si discuterà del rimborso della quota per la colonia marina, proposto dall’ex primo cittadino Riziero Zaccagnini e dal consigliere Vittorio Tarquinio, al prossimo consiglio comunale straordinario concocato dal sindaco, Luciano Lattanzio, per venerdì 15 luglio, alle ore 12,30. All’ordine del giorno, oltre la proposta elaborata e presentata dal gruppo consiliare Primavera Toccolana,  la costituzione della Commissione Centro Storico, prevista dai regolamenti comunali sul controllo edilizio nelle zone A del paese.

“Si tratta di un semplice spostamento delle minime risorse – fanno sapere Zaccagnini e Tarquinio – necessaria a far fronte alla leggerezza con cui l’amministrazione aveva deciso di far pagare, per la prima volta a Tocco, una quota di partecipazione alle famiglie per iscrivere i propri figli alla Colonia Marina. Due mila e cinquecento euro di variazione da recuperare poi in fase di assestamento. Una banale modifica all’assetto della spesa corrente che metterebbe la parola fine alle polemiche alimentate nelle scorse settimane causate dalla inopportuna scelta della maggioranza. Durante lo scorso consiglio comunale, mentre la maggioranza votava  una variazione di bilancio per  l’acquisto di telefonia cellulare per il sindaco, un’auto per gli amministratori e arredi inutili per la sala consiliare, rispondeva alle nostre sollecitazioni riguardo l’incongruente richiesta di denaro alle famiglie per far partecipare i ragazzi alla colonia marina accampando la scusa dei tagli regionali al sociale. Dimostravano così quanto il proprio interesse amministrativo fosse sbilanciato tutto a favore dei loro confort, a tutto svantaggio dei cittadini che vedranno i soldi del bilancio sperperati in cellulari e auto blu mentre gli viene chiesto di contribuire alle spese sociali. Durante la seduta dai banchi della maggioranza ci è stata lanciata la sfida a cercare e trovare le risorse in un bilancio che, a detta loro, non permetteva altre scelte. Bene, i soldi ci sono e li abbiamo trovati. Ora attendiamo – concludono i due consiglieri – solo che la maggioranza voti la nostra proposta, che la rimoduli se ritiene, ma che comunque metta a disposizione l’esigua somma per rimborsare le famiglie che hanno aderito alla colonia”.