-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara, l’ex centrale del latte sarà demolita

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 21:09

centrale-latte-pescaraPescara. Il capogruppo di Rifondazione comunista, Maurizio Acerbo, proprio ieri denunciava la preoccupante situazione che sta investendo la ex centrale del latte di via del Circuito, nessuno sconto per l’edificio che si starebbe avviando definitivamente verso la demolizione e successiva ricostruzione. Ed oggi è arrivata puntuale anche la voce dell’assessore allo Sviluppo del Territorio, Marcello Antonelli. “La verità è che, probabilmente per una svista collettiva, su quel fabbricato non è mai stato posto o previsto alcun tipo di vincolo, dunque il permesso a costruire rilasciato rappresenta un atto legittimo. Resta però l’impegno del governo cittadino a salvaguardare altri edifici del genere. Ovviamente dovremo far presto e fare bene”, ha puntualizzato Antonelli.

“Oggi il vincolo sarebbe stato l’unico strumento per evitare simili interventi di demolizione e ricostruzione: lo poteva porre il Ministero, la Sovrintendenza, lo stesso Comune di Pescara che però non l’ha fatto, rendendo l’intervento odierno legittimo. Per scongiurare altri simili episodi oggi la nuova amministrazione sta già lavorando alla redazione di una variante normativa al Piano regolatore”.
Una svista collettiva? Un edificio che sarebbe sfuggito all’attenzione di tutti? L’unica certezza è che oggi però, sembrerebbe impossibile risolvere il problema con una ‘pezza”. “L’ex centrale del latte – ha meglio chiarito il dirigente Gaetano Silverii – rientra nella zona F5, ossia servizi privati; la domanda di permesso a costruire è stata fatta più di due anni fa ed è rimasta in sospeso per un contenzioso giudiziario promosso dinanzi al Tar, che però non aveva nulla a che vedere con l’origine storica del fabbricato. Dopo due anni abbiamo riconosciuto il diritto del proprietario privato di realizzare l’opera di demolizione e ricostruzione con diversa distribuzione delle superfici esistenti, senza alcun aumento delle stesse. Il progetto ha anche avuto il parere unanime della Commissione edilizia e il Tar stesso aveva anche nominato un Commissario ad acta per il rilascio del provvedimento di costruzione, che poi il Comune ha firmato personalmente. Dunque l’intervento presenta tutti i crismi della legittimità”.

Monica Coletti

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate