-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Montesilvano, riparte Pet-therapy

Ultimo Aggiornamento: domenica, 29 Ottobre 2017 @ 3:53

montesilvano_pet_terapyMontesilvano. Riparte dal 28 giugno il Progetto di Terapie Assistite dagli Animali (Pet-therapy) rivolto ai cittadini disabili di Montesilvano. Il progetto finanziato dalla amministrazione del comune di Montesilvano e promosso dal consigliere Oscaro Biferi, con l’ausilio dell’Ufficio Disabili. Le attività saranno svolte sempre dalla equipe della Cooperativa Sociale Diapason Onlus, l’unico ente in Abruzzo che vanta una esperienza pluriennale nell’ambito e la collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria di Teramo per la preparazione delle coppie operatore-animale.


“Abbiamo mantenuto la promessa – ha affermato il sindaco Pasquale Cordoma – di continuare il progetto di Pet Therapy concluso lo scorso anno con un bilancio molto positivo grazie alla partecipazione e ai risultati conseguiti”.
“La novità di quest’anno – ha spiegato la dottoressa Caterina Di Michele, responsabile di Diapason – è che il progetto verrà svolto all’interno del Parco Giovanni Paolo II,  in via Gramsci, dove, nei giorni passati è stato svolto un lavoro per abbattere le barriere architettonici presenti. Al progetto lavoreranno degli operatori con l’ausilio di cani, conigli, per la prima volta di tartarughe, così come hanno richiesto alcuni bambini, e di una capretta”.
“Il precedente Progetto – ha dichiarato Claudio Ferrante – ha rappresentato la prima esperienza di pet-therapy da parte di un Comune dell’Abruzzo ed ha conseguito incoraggianti risultati che hanno condotto alla realizzazione del secondo intervento. Infatti il precedente  progetto ha visto la partecipazione di circa 25 utenti (adulti e minori) con disabilità. Le sedute si sono tenute presso la sala Tricolore del Palazzo di Città. Gli utenti hanno partecipato in modo attivo e costante, ottenendo buoni risultati, nonostante il numero minimo di sedute. L’entusiasmo e la partecipazione sono stati notevoli, anche da parte dei genitori che accompagnavano gli utenti alle sedute e che più volte hanno manifestato il loro consenso alle attività, osservando notevoli miglioramenti sia sul piano motivazionale, motorio ed emotivo. Un plauso all’Amministrazione comunale, che nonostante i tagli del Governo sul sociale riesce ad avere un’attenzione sempre maggiore riguardo la disabilità”.
Anche all’interno del parco l’iniziativa verrà monitorata dagli esperti della Diapason attraverso osservazioni libere, video riprese a compilazione di griglie di osservazione: “Dai dati emersi nei precedenti incontri – ha proseguito la Di Michele – è risultato, che alcuni utenti hanno aumentato i tempi di attenzione verso le attività, altri hanno migliorato sensibilmente l’approccio verso l’animale, facendo emergere un discreto auto-controllo dell’area emotiva. Prendersi cura dell’animale, dar da mangiare, accudire, spazzolare, ecc. sono attività epimeletiche che hanno aiutato nel processo di decentramento, rafforzando in molti casi l’autostima, fortificando la pro-socialità e sviluppando l’empatia. Inoltre giocare con il cane, stare in una situazione di finzione e stimolare l’animale stesso al gioco, sono le attività ludiche svolte dagli utenti che hanno avuto un buon effetto stimolativo e ansiolitico, aumentando in diversi casi l’integrazione e la partecipazione al piccolo gruppo. Alcuni minori si sono rilassati accarezzando l’animale, diminuendo la fluttuazione emotiva e l’irritabilità che spesso mostravano all’inizio del percorso. I bambini con disturbo del linguaggio sono stati stimolati a ripetere parole per far eseguire dei comandi ai cani: la motivazione data dalla presenza del cane ha permesso loro di rispondere in modo costante, ottenendo discreti risultati. Questi in breve i risultati di soli due mesi di attività! Ma ora questi minori insieme ad altri nuovi partecipanti, potranno continuare il percorso di miglioramento intrapreso grazie ai fondi stanziati per realizzare altri incontri”.
Tante le novità per questo nuovo progetto: innanzitutto il luogo: le sedute saranno realizzate all’interno del parco pubblico  di Montesilvano durante i pomeriggi della lunga estate; poi le attività che l’equipe della Diapason ha programmato prevedono non solo l’ambito epimelitico, ma anche quello psicomotorio (attraverso percorsi di ludo agility), quello ludico (attraverso giochi di drammatizzazione), quello performativo (attraverso l’apprendimento di alcuni comandi da impartire ai cani); infine le new entry nell’equipe, ovvero i nuovi animali: il coniglio Charlie, il cane Amleto, due tartarughe di terra (Giulietta e Romeo) e una capretta. Durante le attività saranno presenti anche alcune tirocinanti della Facoltà di Psicologia di Chieti, con la supervisione del prof. Andrea Mazzatenta, gli studenti del Master in Operatori di A.A.A./T.A.A. di Teramo e i corsisti del Corso per Operatore di Pet-therapy organizzato dalla Cooperativa Pet-Village in collaborazione con la Diapason e con il Patrocinio della Facoltà di Medicina Veterinaria e dell’Assessorato alla Tutela del Mondo Animale del Comune di Pescara. Le iscrizioni saranno aperte da domani fino al 24 giugno presso l’Ufficio Disabili. Le attività si svolgeranno il lunedì ed il giovedì dalle ore 17 in poi presso il Parco Giovanni Paolo II, sempre nel Comune di Montesilvano.

 

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate